Freeforumzone mobile

Analisi del fenomeno tranviario

  • Posts
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 4/10/2011 12:47 PM
    Invio trattazione
    Cari amici - Vorrei proporvi il mio saggio "IL TRAM: QUANDO TECNICA E MORALE SI INCONTRANO" in cui il fenomeno tranviario viene analizzato e interpretato sui piani tecnico,sociologico e morale (premetto che non sono un tecnico, ma un sociologo). Mi piacerebbe conoscere il vostro parere. Mi chiedo anche se tale trattazione, eventualmente con qualche modifica, qualora si trovasse il modo di diffonderla, potrebbe essere utile per sostenere attivamente la causa tranviaria sia laddove si ha resistenza a introdurre ex novo il sistema tranviario, sia laddove si trama (come a Milano) di metterne in discussione il mantenimento. Saluti Moritz
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 4/10/2011 1:01 PM
    Problemi di invio
    Scusatemi molto, ma ho un computer datato che può mandare file solo in formato "word", vi prego di indicarmi qualche espediente per mandarvi la trattazione che vi ho promesso Moritz
  • OFFLINE
    Augusto1
    Post: 25,472
    Registered in: 2/5/2004
    maestro tranviere
    00 4/10/2011 6:20 PM
    Fanne un file immagine. Magari copia tutto in Excel e poi copia le schermate che ti appaiono premendo il tasto "stamp" e poi incollando su Fotoshop o su programma analogo.

    1Poggioreale Cimit. Staz.Centr. v. Marina
    P. Vittoria Mergellina Fuorigrotta Bagnoli
  • OFFLINE
    sotram
    Post: 1,703
    Registered in: 1/30/2008
    tranviere veterano
    00 4/11/2011 11:48 AM
    fai un copia-incolla del testo e mettilo come un post normale. magari un capitolo alla volta.
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 4/12/2011 5:00 PM
    Invio trattazione
    Grazie dei suggerimenti! Forse ho trovato il modo.
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 4/12/2011 5:01 PM
    Il tram: quando tecnica e morale si incontrano

    [Edited by XJ6 4/12/2011 9:01 PM]
  • OFFLINE
    Tram Verde
    Post: 251
    Registered in: 11/2/2005
    tranviere junior
    00 4/12/2011 5:37 PM
    Con riferimento a quanto riportato nelle tabelle 1 e 2 del PDF, ed in particolare all'affermazione:

    "In questa tabella sono state contate anche le città che hanno scelto sistemi di “tram su pneumatici”;
    se si vogliono escludere queste, .... quelle dell’Italia
    risultano essere 7 mentre in costruzione in Italia risulta esservene solo una."


    a me risulta che siano 10 (Milano - Torino - Trieste - Bergamo - Firenze - Roma - Napoli - Messina - Sassari - Cagliari).
    Anzi nel mio personalissimo conteggio dovrebbero essere 11, perchè a dispetto di tutto e di tutti, considero il Renon una tramvia.
    Effettivamente una è in costruzione (Palermo).
    In quanto ai sistemi "tarocchi", a parte Mestre e Padova, non mi risulta che ce ne siano altri in costruzione.

    Scarica il tuo cursore tramviario preferito:
    http://www.webalice.it/wronny/Tram.htm
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 4/14/2011 5:08 PM
    Tabella
    Non ho contato Bergamo, Cagliari e Trieste, in quanto le prime due non hanno tratti tranviari in sede stradale, mentre quella di Trieste non può essere considerata una linea tranviaria urbana classica: si tratta di una tranvia-funicolare il cui tratto tranviario in sede stradale in città è brevissimo.
    Il sistema "tarocco" che mi risulta essere in costruzione è quello di Latina.
  • OFFLINE
    giambo64
    Post: 444
    Registered in: 1/9/2008
    tranviere senior
    00 4/14/2011 6:41 PM
    Il fatto che non abbiano tratte in sede stradale non toglie che comunque siano tranvie, del resto anche a Parigi la T2 e la T4 sono ex ferrovie.
    Comunque complimenti per il trattato, che è interessantissimo.
    [Edited by giambo64 4/14/2011 6:42 PM]
  • OFFLINE
    rob utp
    Post: 72
    Registered in: 3/5/2008
    apprendista tranviere
    00 5/12/2011 5:51 PM
    Gli “Lrt” possono avere diverse origini. Spesso essi derivano da una trasformazione radicale di
    una ferrovia secondaria, che si snoda in una densamente abitata zona suburbana, allo scopo di
    renderla più aderente alle esigenze di mobilità del territorio. Un esempio è dato dalla linea Roma –
    Pantano (ora limitata a Giardinetti) che sta però per essere trasformata in metropolitana automatica.

    non è così, la linea non sarà trasformata in niente, è destinata ad essere smantellata. sul sedime del tratto soppresso si sta facendo la metro c, che è un'altra cosa.
    il sedime del tratto circ.casilina-togliatti potrebbe essere utilizzato per una tramvia ordinaria, che nulla ha a che fare con la sopprimenda ferrovia
  • OFFLINE
    Moritz.
    Post: 79
    Registered in: 3/16/2010
    apprendista tranviere
    00 6/20/2011 4:55 PM
    Linea Roma Giardinetti
    Grazie della precisazione!
  • OFFLINE
    evviva il tram
    Post: 2,669
    Registered in: 1/29/2011
    tranviere veterano
    00 6/20/2011 11:26 PM
    Per Moriz

    E' lodevolissimo il tuo intento di diffondere il tuo saggio etico. Non credo, però, che orienterebbe in altro senso le decisioni di chi è preposto a provvedere nei nostri confronti.
    [Edited by XJ6 10/18/2015 10:34 PM]
  • OFFLINE
    rob utp
    Post: 72
    Registered in: 3/5/2008
    apprendista tranviere
    00 10/16/2015 11:23 AM
    c'è anche dell'altro
    Per Alfisi:
    L'analisi resta interessantissima, ma recenti vicende hanno dimostrato che c'è dell'altro, legato ai rapporti tra politica e appalti. Ritengo che la principale opposizione al tram venga da imprese interessate a prendere i soldi per appalti di altro tipo, quindi per i tram i soldi non ci sono mai. Come spunto da approfondire, allego un documento che ho scritto per l'UTP di Roma.
    Roberto Donzelli
    Perché non ci sono mai i soldi per i tram?

    Perché ai politici non interessa fare trasporto, interessa fare appalti.
    Se l’obiettivo primario della politica è l’elargizione degli appalti, le opere da realizzare (e di conseguenza quelle da non fare perché non interessano) di fatto le decidono le imprese appaltatrici.
    E le imprese che fanno asfalto (lavori stradali) e cemento (scavi e costruzioni) sono fin troppe, mentre scarseggiano quelle che fanno ferro (impianti ferrotramviari). Si privilegiano opere che richiedono bassa manovalanza e scarsa tecnologia.
    Le pressioni per ottenere elargizioni di appalti sono tutte in direzione di opere inutili o nocive, mentre nessuno spinge per le opere necessarie. I politici si regolano di conseguenza.
    Basta con Mafia Capitale.
    Occorre un forte movimento di cittadini per ribaltare la situazione.
    Prima si deve decidere che cosa si deve fare, poi si fanno gli appalti e si decide a chi darli. Gli aspiranti appaltatori devono adeguarsi, imparassero a fare le cose che sono necessarie.

  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,324
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 10/16/2015 5:30 PM
    Ormai molte imprese di costruzione edile dipendono per la loro stessa esistenza dagli appalti pubblici; il rapporto politici-imprenditori è come quello madre-feto....gli uni dipendono dagli altri!
  • OFFLINE
    Pertegheta
    Post: 5,857
    Registered in: 8/22/2010
    maestro tranviere
    00 10/16/2015 11:26 PM
    I Cittadini di Milano, Leggendo i Commenti sul Corrriere Della Sera, Ampiamente Favorevoli alla Nuova Linea Tranviaria 10, e a Più Tram (16-10-2015).
    Buonasera a Tutti.
    Stavo leggendo in questi giorni i commenti (una cinquantina), sulla nascita della nuova Linea Tranviaria 10, riportati on-line sul sito del Corriere Della Sera.
    In sostanza è quasi un plebiscito dei cittadini, a favore non solo di questa nuova Linea, ma anche per estendere la rete.
    In particolare molti chiedono la realizzazione urgente della posa dei binari tra Via Armorari, e Via Cordusio, poche centinaia di metri (di un vecchio percorso ancora parzialmente esistente, ma scollegato alla rete in funzione), previsto dal P.U.M.S.
    Questo in quanto il Capolinea del 19, in Piazza Castello, potrebbe porre dei problemi ai RistoTram, e comunque appare oggettivamente utile un'altro capolinea a due passi dal Duomo.
    E' comunque molto importante che ci siano forti pressioni degli Appassionati/Utenti, sulla classe politica (sul ripristino della Milano-Limbiate Ospedale, sono state oggettivamente fondamentali), sia con articoli, poderosi tomi/ricerche, foto, e quant'altro, senza dimenticare che le reti Tranviarie, contribuiscono ad un minore utilizzo dell'auto, e al miglioramento dell'aria nelle nostre troppo inquinate città.
    Saluti a Tutti.