Freeforumzone mobile

FUNICOLARE "SU GOMMA" DI SANSICARIO

  • Posts
  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 3/19/2010 8:48 PM
    la chiamano "monorotaia", ma è una funicolare...o un ascensore inclinato
    Nell'estate 2004, mi recai, per osservare il progresso dei lavori delle Olimpiadi Invernali del 2006, nella località di Sansicario (comune di Cesana Torinese), sede appunto di alcune gare olimpiche. Ho così avuto modo di conoscere una funicolare davvero particolare (anche se i sansicariesi la chiamano "monorotaia").
    L'impianto collega le due parti, superiore e inferiore, del complesso turistico, nato negli anni 80. E' costituito da una sola cabina tipo ascensore, scorrente su un piano inclinato di cemento, sopraelevato rispetto al terreno, tramite quattro ruote gommate. Le ruote non hanno bordino, nè il piano inclinato ha risalto; ciò è possibile perchè il tracciato è perfettamente rettilineo. La fune è contrappesata, come negli ascensori, e, come in questi, scorre su un argano mosso da un motore.
    Anche il funzionamento è analogo a quello degli ascensori, e completamente automatico. Alle due stazioni capilinea (non ve ne sono di intermedie) vi sono i pulsanti di chiamata; premendoli, si richiama la cabina; al suo arrivo, si aprono in sincronia le porte esterne e quelle interne della cabina.
    Entrati in cabina, premendo il pulsante di partenza, si chiudono entrambe le porte e la cabina inizia il suo breve viaggio: un centinaio di metri, compiuto in due o tre minuti. All'arrivo, si aprono entrambe le porte, e i passeggeri possono uscire.
    Sempre come negli ascensori, vi è il pulsante di arresto e quello di allarme, con citofono.
    L'impianto era stato realizzato unitamente al complesso turistico per agevolare gli spostamenti interni degli abitanti, specie d'inverno.
    Il complesso si trova infatti adagiato su un pendio a 1.800 metri d'altezza, esposto a Nord: d'inverno, neve e ghiaccio sono garantiti!
    Negozi e servizi sono tutti ubicati nella parte più alta, dove si trova la stazione superiore della piccola funicolare.
    Già al momento della mia visita, mi fu riferito che l'amministrazione del complesso pensava però alla chiusura dell'impianto, troppo costoso come manutenzione e "bolletta" energetica. In effetti, da una trasmissione del TG3 regionale, ho appreso che purtroppo è ora fermo, anche perchè la società di gestione del complesso turistico, passata l'euforia olimpica, è finanziariamente in "profondo rosso" e sull'orlo della bancarotta!
    Qualcuno è comunque al corrente di impianti simili, pubblici o privati?
  • OFFLINE
    trammue
    Post: 5,704
    Registered in: 1/7/2008
    maestro tranviere
    00 3/22/2010 10:19 PM
    questa su gomma mi mancava, ma mi pare di aver letto che a bologna, nehgli anni 30 venne costruito qualcosa su strada tirato da una fune, un impianto provvisorio in occasione di una manifestazione in collina. approfondirò.

    e visto che siamo in argomento, vorrei ricordare le funicolari su... neve!
    erano veicoli montati su slitte, e appunto chiamati slittovie, che caricavano un buon numero di sciatori ai tempi in cui skilift e seggiovie erano ancora da venire.

    uno di questi impianti era a cortina, un altro a l'abetone.
    nel 1981 ho potuto vedere il relitto abbandonato di quest'ultimo impianto
  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 9/2/2012 7:53 PM
    Finalmente, sono riuscito a ritrovare le foto (dia) scattate quel 1 agosto 2004; dopo averle scannerizzate, le ho messe in video e caricato su You tube, e ve le propongo

  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 9/2/2012 8:00 PM
    e visto che siamo in argomento, vorrei ricordare le funicolari su... neve!
    erano veicoli montati su slitte, e appunto chiamati slittovie, che caricavano un buon numero di sciatori ai tempi in cui skilift e seggiovie erano ancora da venire.

    @trammue- probabilmente era a un impianto del genere che si riferiva l'articolo de "La Stampa" del 15/9/1947, all'indomani dello spostamento del confine con la Francia al Monginevro dalla sommità del colle all'immediata periferia di Claviere, recriminando che fosse finita oltre confine una slittovia, su cui, concludeva, i francesi avevano rivolto le loro attenzioni (Peraltro, negli anni 80 il confine è stato nuovamente ricorretto con spostamento in direzione del colle, sul quale è nel frattempo sorta la stazione sciistica di Montgenevre).
  • liquidatore
    00 9/4/2012 12:11 AM
    Non capisco come mai, se le ruote non hanno bordino, ne il cemento abbia alcun risalto, non deragli dopo pochi metri?
  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 9/4/2012 8:07 PM
    @liquidatore - La funicolare è in perfetto rettilineo, vi è una sola cabina (quindi non vi è necessità di scambi o altro a mezzavia); evidentemente, tanto basta a "tenere in riga" la cabina.
  • OFFLINE
    ricc404
    Post: 463
    Registered in: 10/12/2005
    tranviere senior
    00 9/5/2012 11:41 AM
    [SM=x346233] non ci credo... dai e dai un piccolo scostamento ci sta, inoltre vedo che sovrappassa una strada, figurati se si possono permettere un incidente.
    Comunque grazie per la segnalazione, è proprio curiosa [SM=x346220]
  • OFFLINE
    e646.060
    Post: 2,939
    Registered in: 2/12/2008
    tranviere veterano
    00 9/5/2012 2:55 PM
    Ciao.
    Se è questa sulla destra, l'immagine parla da sè:







    Tra le slittovie, va annoverata quella di Roccaraso, frequentata anche dal Re Umberto I:



    maggiori notizie su http://www.altopianimaggiori.com o http://www.rete5.tv



    Marco B.
  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 9/5/2012 8:02 PM
    Se vi sono i bordi inferiori, in effetti, tutto si spiega! Quando sono stato a Sansicario, nel 2004, mi ero in effetti limitato a visitare la parte alta e a fare il giro di rito sul mezzo; dal basso, non avevo potuto osservarlo! Come si può vedere dalle foto del mio video, dall'alto non ci si può rendere conto dell'esistenza dei bordi.
    Devo anche dire che, all'epoca, prima di partire mi ero documentato sul sito www.sansicario.it, che forniva esaurienti informazioni sulla località, compresa la funicolare (o monorotaia, come impropriamente veniva definita); attualmente, il sito esiste ancora, ma non ha più alcun legame con la località valsusina.
    [Edited by Censin49 9/5/2012 8:08 PM]
  • liquidatore
    00 9/6/2012 10:29 AM
    scusate tutti, ma a questo punto non ci capisco più nulla.
    l'immagine postata da e646.060 è COMPLETAMENTE diversa da ciò di cui parla censin .....!
  • OFFLINE
    trammue
    Post: 5,704
    Registered in: 1/7/2008
    maestro tranviere
    00 9/6/2012 2:01 PM
    anche nel filmino si vedono i risalti laterali alla pista
    quella della cartolina effettivamente pare proprio un'altra cosa
  • OFFLINE
    e646.060
    Post: 2,939
    Registered in: 2/12/2008
    tranviere veterano
    00 9/6/2012 3:00 PM
    la prospettiva inganna, guardate bene:

    Censin ha ripreso la cabina lato Monte, la cartolina la ritrae dal basso lato valle, ma è la stessa.


    Marco B.
  • liquidatore
    00 9/6/2012 3:22 PM
    ora ho capito! Grazie Marco B.
  • OFFLINE
    Censin49
    Post: 2,321
    Registered in: 2/21/2010
    tranviere veterano
    00 10/9/2012 9:11 PM
    e visto che siamo in argomento, vorrei ricordare le funicolari su... neve!
    erano veicoli montati su slitte, e appunto chiamati slittovie, che caricavano un buon numero di sciatori ai tempi in cui skilift e seggiovie erano ancora da venire.

    @trammue - Da una foto d'epoca (anni 30), vista in vendita su una bancarella a Torino, un impianto del genere esisteva anche a Limone Piemonte, la più importante stazione invernale e climatica della Alpi Marittime; evidentemente queste "funicolari su neve" dovevano essere abbastanza comuni, su Alpi e Appennini. Conoscendo la località, a Limone oggi non esiste più traccia di tale impianto; evidentemente, nel dopoguerra furono soppiantati ovunque dai più economici e funzionali seggiovie e skilift (anche se, personalmente, ho sempre avuto qualche problema a "salire al volo" sulle seggiovie, le rare volte che ci ho viaggiato).
  • OFFLINE
    trammue
    Post: 5,704
    Registered in: 1/7/2008
    maestro tranviere
    00 10/10/2012 1:00 PM
    d'altra parte erano impianti semplicissimi che potevano sorgere in pochi giorni: bastava un pendio alquanto regolare, una fune ed un argano motore, al resto pensava madre natura
  • OFFLINE
    Luciano.Mondini
    Post: 1
    Registered in: 9/12/2013
    apprendista tranviere
    00 9/12/2013 3:28 PM
    I figli so' piezz'e core
    Che piacere trovare questo thread, mi fa tornare alla gioventù. L'impianto in oggetto è del 1984, ed è un po' anche figlio mio: ci ho passato parecchio tempo sia per la costruzione, sia per la messa in marcia, nonché per l’assistenza negli anni successivi.
    Si tratta a tutti gli effetti di un ascensore inclinato, mosso da un gruppo gearless Ward-Leonard (motore-generatore). La corsa è di circa 370m, la velocità nominale è 4m/s e la portata è di 30 persone, 2000kg.
    La via di corsa (impropriamente chiamata dai locali “monorotaia” è costituita da due travi IPE in ferro (http://www.oppo.it/tabelle/profilati_ipe.htm), opportunamente curvate per adeguarsi alle varie pendenze, appoggiate su piloni in cemento.
    La cabina fu costruita dalle officine Pininfarina, e infatti esteticamente si discosta dalle cabine normalmente costruite per simili impianti, che appaiono decisamente più “sgrezze”. La cabina scorre sull’ala superiore delle travi su ruote in ferro ricoperte in vulcollan (http://www.ccre.it/ita/fati_catalogo_dettaglio.aspx?cod=133), e con lo stesso tipo di ruote è guidata. Il contrappeso corre all’interno delle travi, sempre tramite ruote.

    Un saluto a tutti.
    Luciano
    [Edited by Luciano.Mondini 9/12/2013 3:29 PM]
  • Passa alla versione desktop