Freeforumzone mobile

FUNICOLARI DI CASTELLAMMARE DI STABIA E COSTIERA AMALFITANA (Progetto)

  • Posts
  • OFFLINE
    Francesco E.
    Post: 5,339
    Registered in: 2/5/2004
    maestro tranviere
    00 2/28/2007 12:26 AM
    Due articoli da segnalare da "Il Mattino" del 27/02/2007



    CIRO SACCARDI

    Castellammare. Una funicolare per collegare le Terme di Stabia e il centro città. Il progetto è previsto nell’ambito del piano per la riqualificazione delle sette stazioni ferroviarie di Castellammare, presentato lo scorso anno dall’assessore regionale ai trasporti Ennio Cascetta. Si tratta di un ascensore inclinato che collegherà il complesso delle Terme di Stabia, sulla collina del Solaro, direttamente con il centro della città delle acque, nei pressi della stazione via Nocera della Circumvesuviana. Secondo i progettisti dell’opera, la nuova stazione è stata pensata come un hub, un sistema di trasporto integrato al territorio, in modo da rispettare al massimo il paesaggio ambientale e storico in cui sorgerà. Inoltre, un nuovo sistema di trasporto, simile a quello per le terme, è in fase di elaborazione e prevede il collegamento del centro con l’area delle ville romane. Piani, questi ultimi, che assieme ai nuovi collegamenti allo studio per il porto turistico di Marina di Stabia e al progetto di recupero dell’arenile di Castellammare, convergono tutti verso quell’idea di rilancio turistico che la città rincorre da tempo.




    In monorotaia da Agerola ad Amalfi per rilanciare il turismo ecologico

    FRANCESCO FUSCO
    Agerola. Sui monti Lattari arriva la funicolare, che trasporterà residenti e turisti dalla vetta del colle Serra di Agerola direttamente ai centri della costiera amalfitana. Una vera e propria rivoluzione attende dunque il sistema dei trasporti locali, ufficializzata attraverso il protocollo d'intesa firmato sabato scorso dai sindaci di Agerola e Praiano con il placet della Regione Campania e degli altri enti superiori. La nuova funicolare (con ogni probabilità in versione monorotaia), sarà potenziata per muoversi come alternativa alle auto private e limitare sensibilmente il flusso inquinante. Quattro chilometri di tracciato, cinque minuti di percorrenza, tre stazioni con panorami splendidi: queste le particolarità della nuova struttura che avrà l’obiettivo di migliorare la mobilità del territorio e di coniugare la realtà dei monti Lattari con quella della costa sorrentino- amalfitana. Al momento il progetto vive ancora una fase embrionale, tuttavia le amministrazioni di Agerola e Praiano sono al lavoro per dar luce quanto prima a un nuovo piano strategico e operativo. Si punta a realizzare il bando di gara già nella prossima estate, ovviamente dopo aver provveduto alla stesura del progetto definitivo in stretta sinergia con l'assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta e con le amministrazioni provinciali di Napoli e Salerno. «Si concretizza così uno dei più bei sogni che avevamo nel cassetto - afferma Michele Pisacane, sindaco di Agerola e deputato alla Camera - quello cioè di trovare un’alternativa al normale trasporto su gomma per collegare l’area dei monti Lattari alla costiera amalfitana. Si tratta di un’affascinante attrazione turistica, non inquinante, perfettamente compatibile con l’ambiente e di eccezionale funzionalità». La nuova linea prevede la realizzazione di tre fermate: due ad Agerola e Praiano e una, intermedia, al confine con il comune di Furore. La passeggiata durerà circa cinque minuti. Secondo Raffaele Dercenno, assessore alle attività produttive di agerola e ideatore del progetto, la struttura è destinata a diventare un centro visite attrezzato, dove ricevere informazioni, gustare prodotti tipici e acquistare gadget. Intanto è aperto il confronto istituzionale per la ricerca dei fondi. A tal proposito, nei prossimi giorni i rappresentanti delle amministrazioni coinvolte nel progetto s'incontreranno nuovamente per individuare eventuali forme di finanziamenti. Non è tuttavia escluso che la gara sia bandita attraverso il metodo del project financing, con la possibile partecipazione dei privati. Ad ogni modo il costo complessivo dell'opera si aggira intorno ai 10 milioni di euro, mentre per quanto riguarda i tempi l'obiettivo dei due Comuni è quello di far partire il tutto entro il 2010. «Grazie alla realizzazione della funicolare - commenta Gennaro Amendola, sindaco di Praiano - il futuro vedrà i comuni di Agerola e Praiano interagire in modo sempre maggiore per potenziare quelle iniziative tese a migliorare e a sviluppare le politiche turistiche ed economiche del territorio». In questo senso il nuovo piano di mobilità regionale prevede anche l'adeguamento in sede della statale 366 tra la circonvallazione di Gragnano e la galleria delle Palombelle, ad eccezione del tratto interno al centro abitato di Pimonte per il quale invece è previsto un by-pass stradale che consentirà agli automobilisti di evitare il centro cittadino.


    [Modificato da Francesco E. 28/02/2007 0.31]


    www.novaconcentusvocalis.it
    "Where no man has gone before"
  • OFFLINE
    BiagPal
    Post: 8,525
    Registered in: 8/26/2006
    maestro tranviere
    00 2/28/2007 8:57 AM
    E' da anni che in realtà si parla di costruire questa funicolare ma da quanto dettomi da alcuni conoscenti di Agerola, il progetto è sempre stato ostacolato dai comuni della fascia costiera come Amalfi e Positano in quanto temono la perdita di un grosso numero di turisti a tutto vantaggio dei comuni della Comunità dei Monti Lattari, che potrebbero offrire la possibilità di fare una vacanza in tutto relax ed in ambienti eccezionali dal punto di vista naturalistico e nello stesso momento avere un collegamento rapido e soprattutto "economico" con i comuni costieri.
  • OFFLINE
    Francesco E.
    Post: 5,339
    Registered in: 2/5/2004
    maestro tranviere
    00 2/28/2007 10:54 AM
    Eh... come a dire: siamo alle solite! [SM=x346221]

    www.novaconcentusvocalis.it
    "Where no man has gone before"
  • OFFLINE
    mimiMetro
    Post: 437
    Registered in: 12/15/2006
    tranviere senior
    00 2/28/2007 11:32 AM
    per biagio
    ma figuriamoci se in futuro chi va a farsi la passeggiata sulla monorotaia non si va a fare una passeggiata anche a Positano o più in generale sulla costa. secondo me un opera del genere, oltre a migliorare le condizioni di traffico e di intasamento, creerebbe sicuramente valore aggiunto a tutta l'area e sarebbe un ulteriore attrattore turistico. spingerebbe in quelle aree anche chi magari non piace il mare.

    amo il trasporto collettivo, amo viaggiare in compagnia, la tecnica, amo le ferrovie
  • OFFLINE
    BiagPal
    Post: 8,525
    Registered in: 8/26/2006
    maestro tranviere
    00 2/28/2007 9:51 PM
    Tutto giusto quello che dici. Vallo a dire però agli..."snob" comuni di Positano ed Amalfi... [SM=x346223]