Mondo Tram Forum Discussioni sui trasporti tranviari in Italia e nel mondo

PROPONI LA TUA TRANVIA IDEALE

  • Posts
  • OFFLINE
    Nicola M.
    Post: 710
    Registered in: 12/9/2003
    tranviere senior
    00 11/13/2004 4:53 PM
    QUESTA DISCUSSIONE NASCE DA UN'IDEA DI SIMOPA CHE MI HA INVIATO QUESTA E-MAIL:
    "Ciao Nicola,
    leggendo la nuova discussione che sta molto animando il forum a proposito della sua utilità e di quella del sito avrei una proposta da fare.......(testo omesso)

    Entro nel dettaglio: a Firenze si è aperto nelle ultime settimane un percorso partecipativo in cui l'amministrazione invita i singoli cittadini, le associazioni ecc. a proporre idee e progetti che vadano ad incidere sul programma del sindaco recentemente rieletto. Nel programma una grande parte è occupata dalle nuove opere infrastrutturali che rimoderneranno il trasporto pubblico e privato all'interno della città tra le quali le maggiori sono tramvia, alta velocità e terza corsia dell'autostrada le quali sono legate in modo indissolubile tra di loro.

    Parliamo di tramvia, l'amministrazione ha invitato a fare proposte non tanto sul percorso delle tre linee che è ormai deciso ma del suo rapporto con la città cioè dell'inserimento del tram nel contesto urbanistico di Firenze in modo da renderlo più gradevole e adatto alle esigenze della città. I punti di un possibile intervento riguardano anche il periodo della cantierizzazione nel senso di fare proposte su come impattare meno sulle strade in cui sorgeranno i cantieri ma soprattutto gli arredi a corredo delle linee, le fermate, i materiali da utilizzare, l'individuazione di parcheggi scambiatori, il rapporto con le fermate dei bus e dei treni, il miglioramento dei veicoli tramviari e tutto ciò che possa migliorare il rapporto tram-città.

    In tutto ciò cosa c'entra mondotram?

    Naturalmente chi frequenta il sito e il forum non può fare proposte sui singoli interventi in città, ma proposte valide per qualsiasi tranvia in costruzione credo proprio di si, data anche la grande esperienza di molti frequentatori di mondotram. Arrivando ad una conclusione ti chiedo se pensi che aprire una discussione sull'argomento che ti ho appena illustrato nel forum, possa interessare anche a chi non partecipa al forum di Firenze. Se poi la discussione risulta avere successo io posso trasmetterne i risultati all'amministrazione comunale in modo che li possa valutare e magari prendere in considerazione se ci sono spunti interessanti..... (testo omesso)

    La mia idea semplicemente è quella di coinvolgere il forum su come gli utenti si immaginano una tranvia ideale.

    Grazie, ciao

    SIMONE"


    ---------------------------

    Naturalmente l'idea di Simopa mi è molto piaciuta e invito tutti a discutere non solo della tranvia ideale di Firenze ma della tranvia ideale in assoluto.
    Spero che questa discussione possa diventare poi lo spunto per un articolo o qualcosa di più sull'argomento.
    E' gradito ogni tipo di progetto o suggerimento, comprese le utopie (molto spesso le utopie non sono altro che dei progetti a respiro più lungo).

    Grazie a tutti
    Nicola Matarrese



    [SM=x346220]


    [Modificato da Nicola M. 13/11/2004 16.54]

  • OFFLINE
    XJ6
    Post: 9,264
    Registered in: 2/22/2004
    maestro tranviere
    00 11/15/2004 6:20 AM
    Tripartizione
    Che strano, questa sezione non ha eccitato ancora le fantasie dei MondoTranvieri. E' difficile, probabilmente, rompere il ghiaccio, forse per tema di essere i primi a tirare fuori qualche bestialità.

    Vabbé, io dico la mia. In larga approssimazione, direi che la tranvia ideale dovrebbe prevedere vetture (d'epoca) a due assi in centro, a carrelli in città, articolate in extraurbana. Le rotaie dovrebbero fondersi bene con la pavimentazione urbana (pietra lavica, sanpietrini, sassi di fiume etc., a seconda della storia architettonica della città, possibilmente evitando l'asfalto, almeno in centro), ed inerbarsi nelle sedi protette.

    Non sono idee di straordinaria originalità, lo so, ma bisognava pur cominciare da qualche parte. E ora, faites vos jeux.

  • OFFLINE
    pabbamo
    Post: 3,939
    Registered in: 8/1/2002
    tranviere veterano
    00 11/15/2004 9:52 AM
    Personalmente non sono ancora intervenuto perchè al momento non mi viene in mente ancora nulla, in quanto in una città come la nostra, a volte, risulta addirittura impensabile anche il solo immaginare determinate soluzioni. Prendiamo ad esempio il costituendo progetto di Piazza Municipio: anche se alcune idee sono già state accennate sui giornali ed illustrate da qualcuno di noi, non mi sono chiare alcune cose, anche perchè personalmente non condivido, e non è la prima volta che lo dico, alcune soluzioni che mi sanno tanto, come dico sempre, di "pedonalizzazione selvaggia". Quindi, almeno per quel che riguarda me, mi prendo un periodo di riflessione ed approfondimento al termine del quale dirò anche la mia.
  • OFFLINE
    Alessandroch
    Post: 2,576
    Registered in: 2/5/2004
    tranviere veterano
    00 11/15/2004 12:51 PM
    Io racconto la mia
    Le strutture e le destinazioni dei vari mezzi rotabili che XJ6 ha scritto sono ok...
    io mi dividerò di città in città che ho vissuto (di cui sono ex tranviarie):

    NAPOLI
    Farei tornare il Dazio operante (... non dite nulla... [SM=x346228] ) oltre alle tranvie di Capodimonte.

    LECCE
    Ricostrituirei la vecchia tranvia (che combinazione: "IL tram del Mare) esistita sino a 70 anni fa x S. Catldo con una variante: collegherei le altre marine leccesi (Torre Chianca e Frigole) escludendo il vecchio stazionamento in pzza S. Oronzo ma sfruttando la odierna circumvallazione, con deviazione x la Questura e per l' Ekotecne struttua universitaria che è suula strada x Monteroni di Lecce

    TARANTO e BARI
    capillare filovia (a Bari è esistente ma abbandonata da forse 20 anni)




    Alessandro
  • OFFLINE
    Nicola M.
    Post: 710
    Registered in: 12/9/2003
    tranviere senior
    00 11/15/2004 7:45 PM
    Precisazione
    Vorrei precisare che la discussione chiede di illustrare il proprio pensiero su quella che per ognuno può essere l'ideale di tranvia.

    Il tutto può includere progetti di linee tranviarie in una città ideale.

    Per esempio: si può dire che un sistema perfetto di tranvia può essere l'integrazione di linee periferiche che convergono verso il centro lungo percorsi protetti e con priorità semaforica da far scattare a distanza. Arrivando verso il centro queste linee possono proseguire interrate come metropolitana tranviaria (vedi esempio di alcune città tedesche) ecc. ecc.
    Oppure che il centro storico può essere percorso in superficie da vetture storiche in modo da dare più fascino ai quartieri antichi, ecc. ecc.

    Non è detto che questa sia la mia idea di tranvia perfetta, volevo solo indicare la via (ferrata, chiaramente [SM=x346239] )

    [SM=x346219]
  • OFFLINE
    simopa
    Post: 1,189
    Registered in: 6/22/2004
    tranviere veterano
    00 11/18/2004 8:28 PM
    Punti di vista
    In un certo senso mi dispiace che la discussione non stia avendo il successo sperato (almeno per ora), le mie supposizioni si sono rivelate errate forse perchè a Firenze in cui ci si appresta a costruire una rete tranviaria totalmente nuova l'argomento è molto sentito ma nelle altre città forse non è così. Credo che oggi più che in passato una nuova rete di tramvie debba essere maggiormente integrata con il contesto urbanistico e anzi sia proprio questa integrazione a decretarne un maggior successo davanti a persone che prima erano scettiche di fronte a questo "nuovo" mezzo di trasporto pubblico. Parlo di nuovo perchè forse la maggior parte dei cittadini del nostro paese pensa al tram come un mezzo del passato e quindi brutto, scomodo......, sappiamo che non è così. La mia esperienza diretta di tranvie, lo dico sinceramente, è abbastanza scarsa tanto che penso di essere forse l'unica persona ad essere montata pochissime volte su un tram e ancora non li apprezzavo come adesso (ho solo 23 anni e spero di rifarmi tra pochi anni quando ci saranno a Firenze). Forse però proprio per questo motivo riesco a vedere (con molta inesperienza) un lato diverso del tram forse un po' meno nostalgico (anche se ho letto alcuni libri che parlano di quando il tram a Firenze girava ancora) e magari più pratico il che mi fa pensare al tram come un mezzo moderno e funzionale che non è più "un vagone che viaggia su due rotaie" (non mi fraintedete, non vuole essere nulla di dispregiativo ma vi posso assicurare che molte persone alla notizia della reintroduzione dei tram a Firenze la pensavano in questo modo). La mia idea era una discussione sul particolare che più distingueva il vecchio tram dal nuovo e cioè sul fatto che le nuove linee devono rispondere ad esigenze diverse rispetto al passato che non è solo il trasporto di persone ma è credo il miglior inserimento all'interno del contesto urbanistico di una città e rientrava come hoscritto nell'e-mail all'inizio della pagina nella discussione sull'utilità del forum e del sito.
    Facendo qualche piccola provocazione inoffensiva spero in qualche modo di aver solleticato le vostre menti [SM=x346220] . Se non ci sono riuscito pazienza. Male che vada sarà velocemente spostata nell'archivio delle discussioni.[SM=x346232]

    [SM=x346219]


    vendita on-line di modellini e binari tranviari in scala H0 e H0m, autobus, filobus e...---> www.modellinitram.it
    AMT Toscana ---> www.amt.toscana.it
  • OFFLINE
    Nicola M.
    Post: 710
    Registered in: 12/9/2003
    tranviere senior
    00 11/30/2004 11:25 AM
    Strano ....
    ero convinto che questa discussione avrebbe scatenato il popolo di MondoTram.

    Dove, se non qui, si possono trovare le persone giuste per affrontare un tema di questo tipo?

    E' vero, comporta un impegno superiore a quello di una semplice risposta ad una discussione, però dei progetti tranviari o anche dei semplici "consigli per l'uso" potrebbero essere utili, se non addirittura importanti.

    Vogliamo dire la nostra anche a livelli più alti? Cominciamo a partorire idee da proporre!

    Non fatemi archiviare questa discussione che ne soffrirei tanto [SM=x346220]

    [SM=x346219]
  • OFFLINE
    Paoloilfiorentino
    Post: 947
    Registered in: 7/3/2004
    tranviere senior
    00 11/30/2004 11:31 AM
    Tranvia ideale
    Anche a me dispiacerebbe molto l'archiviazione di questa discussione, certamente interessante. Sto raccogliendo qualche idea per intervenire.
    Complimenti di nuovo al mio concittadino Simopa, a presto,
    Paolo
  • OFFLINE
    Alessandroch
    Post: 2,576
    Registered in: 2/5/2004
    tranviere veterano
    00 11/30/2004 1:11 PM
    E' vero!!!
    Non è la solita discussione. Io personalmente non ho ancora avuto nessuna illuminazione in merito; ho descitto le mie tranvie (e filovie) ideali ma temo che nn fosse stata la risposta giusta.... chessò... io metterei tram anche negl' alberghi... oppure sotto casa mia. Ma so che non è questo che Simopa cerca.

    Allora caro concittadino di Dante Alighieri, ti propongo di avere pazienza sino a dopo Natale... devo andare a Napoli x il fine anno... chissà se lì nn avrò un' illuminazione. Lì ci sono matti come i matti che abitano il villaggio gallico di Uderzo e Goscinny[SM=x346239] [SM=x346239] [SM=x346239] [SM=x346239]
    Nicola aspetta ancora x archiviare questa discussione


    Alessandro
  • OFFLINE
    Augusto1
    Post: 25,501
    Registered in: 2/5/2004
    maestro tranviere
    00 11/30/2004 4:07 PM
    la mia
    Dovrebbe arrivare dappertutto, con attese non superiori a 5 minuti,con tram belli e moderni come i Sirio in turno assieme a quelli più vecchi come le "Meridionali" o le "28" di Milano. Vorrei tracciati in corsia riservata, con binari inerbiti, misti a tratte promiscue in cui le rotaie sono "abbracciate" dai lastroni lavici, senza asfalto. Alle fermate pensiline intelligenti con paline informatizzate, poltroncine e hostess a disposizione dei viaggiatori. Vorrei poi manovratori capaci, magari in maggioranza donne, e reistituirei la figura del fattorino. Ma innanzitutto vorrei che il tram di Napoli tornasse al più presto a Mergellina, e poi a Fuorigrotta, perchè Fuorigrotta da quando è senza il tram non sembra più lui,è come se avesse vissuto quattro anni di esilio da se stesso, e poi vorrei rivedere il deposito di via Cumana restaurato, con i tram dentro come era fino a quella maledetta sera del 23 novembre 1980, quando il terremoto mise fine al suo servizio che durava da 90 anni, ma che non ha avuto forza sufficiente per buttarlo giù, tanto è vero che è ancora lì, e sembra che, ogni volta che lo vedo, mi dica: "fammi aggiustare, fammi aggiustare, fammi aggiustare, fammi...[SM=x346226]

    [Modificato da Augusto1 30/11/2004 16.08]

    [Modificato da Augusto1 30/11/2004 16.09]


    1Poggioreale Cimit. Staz.Centr. v. Marina
    P. Vittoria Mergellina Fuorigrotta Bagnoli
  • OFFLINE
    sottostazione
    Post: 603
    Registered in: 2/23/2004
    tranviere senior
    00 11/30/2004 5:10 PM
    Il mio sistema tranviario ideale
    Trovo che questa discussione sia molto interessante, certo è necessario dedicare un po’ di tempo alla riflessione prima di parteciparvi, perché l’argomento non è dei più facili.
    Una considerazione che, secondo me, si deve tener presente prima di affrontare la questione, è che nel trasporto pubblico (e di questo sono convintissimo, anche se i tecnici delle aziende di trasporto dicono che non è cosi’) la domanda dipende dall’offerta. Più gli orari sono comodi, i passaggi frequenti e i mezzi confortevoli, più la gente (che non è stupida : sfatiamo questo mito/alibi !!) si servirà (e lo fara’ volentieri) del mezzo pubblico. Soprattutto in un epoca in cui servirsi della macchina diventa sempre più costoso e stressante e la circolazione nei centri urbani è un calvario. D’altra parte siamo entrati in quella che in Francia chiamano « la seconda giovinezza del tram » : una fase di riscoperta della tranvia a livello europeo (iniziata, credo negli anni ’80) ma nella quale il tram viene visto come un vettore sempre più « pesante ». Il termine « metrotranvia », di cui si fa’ largo uso, ne è un esempio classico . Il tram diventa sempre più pesante, lungo, protetto, e veloce. Tutto questo è positivo, ma credo che il rischio di questa tendenza sia di ridurre il tram a un surrogato di metropolitana. Il tram ha enormi potenzialità di penetrazione urbana, è ecologico, affidabile, e molto più silenzioso grazie alle nuove tecnologie. Inoltre, in città, non è più pericoloso di un autobus o di un camion. Ma ecco che si tolgono tratti di binario dai centri storici, dalle vie strette e popolose e spariscono le agili vetture monocassa (non so’ se esista ancora qualche produttore che le costruisca…), in questo senso l’accantonamento delle 3100 a Torino parla da sé.
    Una tranvia ideale, secondo me, deve includere queste due potenzialità del tram : la metrotranvia, da un lato, e il mezzo di « quartiere » (che oggi non è più preso in considerazione !), dall’altro. L’anima « Sirio » e l’anima « Peter Witt », potremmo dire !
    Per questo io vedrei delle linee metrotranviarie protette e semi protette che uniscano i comuni della cintura alla città (passando non lontano dal centro, ma non nel centro !) e che incrocino linee più classiche, servite con vetture più piccole e più agili che penetrino nei quartieri.
    (A questo proposito vedo veramente male la politica di sopressione dei binari nel centro di Torino in nome della « riqualificazione urbana » !). Il vantaggio della tranviarizzazione dei centri cittadini è anche l’enorme possibilità riqualificazione che la tranvia porta con sé e di mobilità per i turisti e per tutti coloro che sono di passaggio in città (il tram attrae più dell autobus !). Credo che le nostre amministrazioni, oltre che interessarsi a linee «alla moda » (le metrotranvie ), dovrebbero riflettere sulla possibilità di costruire o riqualificare anche linee tradizionali.

    [SM=x346219]

    [Modificato da sottostazione 30/11/2004 17.13]

  • OFFLINE
    Nicola M.
    Post: 710
    Registered in: 12/9/2003
    tranviere senior
    00 11/30/2004 5:58 PM
    ohhhhhhhhhh .........
    vedo che abbiamo preso il binario giusto!

    Forza ragazzi, avanti così [SM=x346220]

  • OFFLINE
    simopa
    Post: 1,189
    Registered in: 6/22/2004
    tranviere veterano
    00 11/30/2004 6:37 PM
    Si vede che avevano bisogno di una tirata d'orecchi del grande capo per partire [SM=x346239]

    vendita on-line di modellini e binari tranviari in scala H0 e H0m, autobus, filobus e...---> www.modellinitram.it
    AMT Toscana ---> www.amt.toscana.it
  • OFFLINE
    Alessandroch
    Post: 2,576
    Registered in: 2/5/2004
    tranviere veterano
    00 11/30/2004 8:12 PM
    Re:

    Scritto da: simopa 30/11/2004 18.37
    Si vede che avevano bisogno di una tirata d'orecchi del grande capo per partire [SM=x346239]




    E' vero... ma cmq aspetta la mia, dopo il periodo natalizio

    un simpaticissimo[SM=x346219]

    [SM=x346239]


    Alessandro
  • OFFLINE
    Paoloilfiorentino
    Post: 947
    Registered in: 7/3/2004
    tranviere senior
    00 11/30/2004 11:36 PM
    Tranvia ideale - qualche esempio
    Cari amici,
    esprimo anch'io le mie considerazioni su quella che potrebbe essere la "tranvia ideale", considerazioni che derivano non tanto dalla mia limitata competenza tecnica, quanto dalla passione e dalla conoscenza di qualche rete tranviaria.
    L'argomento è appassionante e difficile al contempo; cercherò di esprimermi con ordine e chiarezza.
    Prima considerazione: la "tranvia ideale" presupporrebbe un contesto urbanistico altrettanto ideale, il che ovviamente non è se non in un numero limitatissimo di casi.
    Per contro, si pensi a Los Angeles, città ideale per l'automobile, poiché progettata proprio tenendo nel massimo conto le possibilità che il mezzo privato offriva, e a tante altre città statunitensi, impossibili da vivere senza possedere un automezzo.
    Stabilito che non si ha quasi mai un contesto ideale in cui inserire il tram (pensate a Firenze, solo per fare un esempio), mi sembra che la prima caratteristica che spiega il rinnovato successo del nostro amato mezzo di trasporto sia la sua flessibità. Tra i vari mezzi di trasporto pubblico, infatti, solo il classico tram su rotaia (ferro su ferro) è infatti capace di marciare:
    -su strada, in promiscuità con altro traffico
    -su strada dedicata
    -in zone pedonalizzate o a traffico limitato
    -in sede riservata, con diversi gradi di potezione (segnaletica orizzontale, cordoli, marciatram, transenne)
    -in sede propria
    -in galleria o su viadotto
    -in sede ferroviaria (tram-treno tipo Karlsruhe)
    L'inserimento in centri storici di particolare delicatezza può essere facilitato (esempi: Bordeaux e forse Firenze) dalla sostituzione dell'alimentazione da linea aerea con quella da terza rotaia.
    Essenziale sembra quindi mantenere alla tranvia le sue caratteristiche di "mezzo leggero", sia per scelta dei veicoli che per caratteristiche di armamento. Un chiaro esempio in negativo potrebbe essere rappresentato dalla cosidetta linea di "metopolitana leggera" delle Vallette, a Torino, ridefinita poi "tranvia pesantemente protetta" (a mio giudizio troppo pesantemente), sulla quale le motrici serie 7000 avrebbero dovuto marciare perfino in comando multiplo.
    Si dovrebbe poi tenere nella massima considerazione la riqualificazione delle zone destinate ad essere percorse dal tram: quindi, ben vengano piantumazione di nuove alberate, pensiline attrezzate e dotate di poche ma utilissime comodità (sedili, tettoie, paline di fermata "intelligenti"), razionale riorganizzazione delle corsie destinate al traffico su gomma, arredi urbani di buona qualità e buon gusto.
    I veicoli potrebbero essere a sei od otto assi, preferibilmente di concezione modulare (tipo Combino o Eurotram), evitando, salvo casi eccezionali, la marcia in composizione multipla e preferendo invece il regolare cadenzamento dei passaggi. Varie indagini condotte al riguardo dimostrano che gran parte dell'utenza è disposta ad accettare frequenze di 10-15 minuti anche nelle ore di punta, a patto che vi sia ragionevole certezza nella regolarità del transito dei mezzi. Esempio classico: Mannheim/Ludwigshaven, dove non capita quasi mai di vedere due mezzi in servizio sulla stessa linea accodati l'uno all'altro, e dove le linee di forza hanno frequenze che possono apparire a tutta prima troppo rarefatte, ma che risultano nondimeno molto efficienti e gradite agli utenti proprio per la loro "prevedibilità". In altre parole, il tram dovrebbe essere in grado di muovere gli spostamenti urbani da un regime che potemmo definire di "aleatorietà" ad uno di "certezza".
    Ormai da almeno due decenni, sembra acquisto il concetto che il trasporto pubblico deve porsi in decisa alternativa al trasporto privato: da ciò deriva la necessità di dotare ogni capolinea periferico di ampie e non eccessivamente costose aree di parcheggio immediatamente adiacenti (è molto importante evitare all'automobilista in procinto di trasferirsi sul tram l'attraversamento di strade o piazze) e prevedendo comunque l'integrazione delle tariffe di sosta e di viaggio. Esempi in questo senso sono offerti da quasi tutte le nuove reti tranviarie del Nord America.
    Infine, i veicoli, che già offrono l'intrinseco vantaggio di non produrre alcun inquinamento acustico e nei modelli attuali pochissimo inquinamento sonoro, dovrebbero essere dimensionati in modo da non apparire incongrui rispetto all'ambiente esterno (design semplice e gradevole, contenuto ingombro in larghezza, non oltre 2,5 metri) e ragionevolmente comodi per ogni tipo di utenza: pianale ribassato, ampia visibilità dall'interno, indicatori di linea e di destinazione interni alla vettura sempre in funzione (sui tram di Roma, ad esempio, sono perennemente fuori uso), informazioni all'utenza a mezzo altoparlanti, indicatori di linea esterni di facile leggibilità (provate a distinguere il numero di linea degli Eurotram milanesi, peraltro vetture bellissime, se non avete una vista da falco), ragionevole numero di posti a sedere, elemento tutt'altro che secondario in un paese dove l'età media della popolazione è in costante crescita. Già assicurato dai modelli più recenti (Sirio, Cityway, Eurotram, Combino, etc.) è il comfort di marcia, molto superiore a quello di qualsiasi autobus, anche del tipo più moderno. Ricordo che da un'indagine condotta dall'ATAC di Roma nel 1975 risultava che il pubblico, dovendo scegliere ove possibile tra autobus e tram, mostrava un maggiore favore nei confronti di quest'ultimo mezzo anche per la sua più regolare e comoda marcia.
    Se c'è un esempio di tranvia ideale che si avvicini il più possibile a quanto ho scritto finora, lo potrei identificare in Freiburg (im-Bresgau): la rete si è raddoppiata negli ultimi venti anni, è stato compiuto un ottimo lavoro di riqualificazione in periferia, sono entrati in servizio veicoli comodissimi e molto capienti, sono state riservate a tram, pedoni e biciclette molte strade del prezioso centro storico.
    Si sta inoltre progettando un sistema di tram-treno sull'esempio di quanto realizzato a Karlsruhe.
    Che la prossima città ideale per il tram sia Firenze? Per scaramanzia non dico niente e lascio la parola a Simopa.
    Ciao a tutti da
    Paolo






    Paolo Muraro
  • OFFLINE
    simopa
    Post: 1,189
    Registered in: 6/22/2004
    tranviere veterano
    00 12/1/2004 10:58 PM
    Veramente interessante
    Si cominciano a vedere le prime risposte e devo dire che sono già ricche di spunti molto interessanti che magari possono anche essere approfonditi con più calma.
    Confermo come già detto nel messaggio iniziale che i messaggi che portano proposte su una tranvia ideale saranno da me presentati al vicesindaco di Firenze il 14 dicembre. Ho veramente un buon presentimento che la cosa possa portare a qualcosa di interessante. Capisco che lo sforzo per interagire con questa discussione sia un po' più elevato anche perchè nessuno nasce con un progetto in testa ma in compenso potrebbe essere molto gratificante per l'intero sito e quindi per tutte le persone che lo rendono vivo.[SM=x346220]

    Resta ovvio che anche la discussione non deve chiudere il 14 dicembre perchè l'aspetto principale è la discussione tra chi partecipa al sito, tutto il resto viene in secondo piano e deve considerarsi solo come uno stimolo per intervenire.

    [SM=x346219]

    [Modificato da simopa 02/12/2004 20.34]


    vendita on-line di modellini e binari tranviari in scala H0 e H0m, autobus, filobus e...---> www.modellinitram.it
    AMT Toscana ---> www.amt.toscana.it
  • OFFLINE
    simopa
    Post: 1,189
    Registered in: 6/22/2004
    tranviere veterano
    00 12/8/2004 12:32 AM
    Incontro con Paoloilfiorentino
    Questo pomeriggio (martedì 7 dicembre) ho conosciuto Paolo di persona per approfondire il tema della tranvia ideale e per discutere delle proposte che porterò all'amministrazione del comune di Firenze la prossima settimana.

    Su Paolo posso dire che è veramente una persona molto simpatica con cui è un piacere parlare sia dei tram che di cose più generali ed è anche una persona molto competente sull'argomento e questo credo non sia sfuggito a nessuno. Il bello è che siamo rimasti a parlare per circa 3 ore in un bar di Firenze (piazza Leopoldo) tra immagini e progetti di tram e il tempo è passato così velocemente che non ci siamo praticamente accorti che era più delle nove di sera e siamo anditi via perchè il bar stava spengendo le luci, altrimenti chissà che ora facevamo a parlare di tram (eh eh!!!). Confido con Paolo come ci siamo ripromessi di reincontrarci anche per ricambiare il caffè che mi ha offerto [SM=x346242] e poi per aggiornarci a vicenda sugli sviluppi fiorentini.

    Ringrazio quindi Nicola e tutti quelli scrivono in questo forum per l'occosasione che mi avete fornito di ampliare le mie conoscenze tranviarie che senza forum e sito sarebbero evolute molto lentamente, spero però ogni tanto di ricambiare verso tutti gli utenti con qualcosa di interessante, almeno cerco di impegnarmi e di dare un piccolo contributo.

    Ciao [SM=x346219]



    vendita on-line di modellini e binari tranviari in scala H0 e H0m, autobus, filobus e...---> www.modellinitram.it
    AMT Toscana ---> www.amt.toscana.it
  • OFFLINE
    simopa
    Post: 1,189
    Registered in: 6/22/2004
    tranviere veterano
    00 12/17/2004 11:04 PM
    Ci presentiamo alle istituzioni!
    Come avevo detto ho fatto conoscere il lavoro che stiamo realizzando al vicesindaco di Firenze sperando che possa avere un minimo di considerazione durante la fase tutt'ora aperta della progettazione delle tre lineee fiorentine. Le nostre idee prima di tutto sono state molto apprezzate tanto che il vicesindaco mi ha confermato di voler approfondire gli argomenti di cui abbiamo parlato e quindi spero non si tratti di sola cortesia nei miei confronti. Come più volte detto ho ribadito la necessità di una progettazione di qualità nell'ambito dell'inserimento urbanistico delle linee tranviarie ma sono entrato anche in un particolare tecnico che in questi giorni ha "infiammato" il forum ossia l'utilizzo della terza rotaia per l'alimentazione di Bordeaux e il suo possibile utilizzo a Firenze.
    Ritornando alla qualità urbanistica delle linee mi è stato detto come immaginavo che quasi tutto deve essere ancora deciso e quindi continuo ad invitare gli amici del forum ad inserire opinioni sulla "tranvia ideale" perchè forse un giorno si potrà dire: è stata fatta così anche per merito nostro (lo sò che sto sognando ma per ora non mi dispiace affatto!)

    Abbiamo anche parlato delle strategie di comunicazione verso la cittadinanza sui lavori della tranvia e forse da questo punto di vista mi ha lasciato un po' perplesso ma ancora non è stato fatto nulla e quindi vedremo.

    Ciao


    vendita on-line di modellini e binari tranviari in scala H0 e H0m, autobus, filobus e...---> www.modellinitram.it
    AMT Toscana ---> www.amt.toscana.it
  • OFFLINE
    crazybrakes
    Post: 7
    Registered in: 12/15/2004
    apprendista tranviere
    00 12/20/2004 12:26 PM
    Allora.....il mio tram ideale

    Andrea Bozzi
  • OFFLINE
    crazybrakes
    Post: 7
    Registered in: 12/15/2004
    apprendista tranviere
    00 12/20/2004 4:22 PM
    La mia tranvia
    Dunque....chiedo scusa per il post di prima ma ho fatto qualche pasticcio. Il tram di Karlshrue è un'ottima soluzione per i trasporti vicinali, anche perché può sfruttare la sede ferroviaria e scendere i passeggeri in centro. La soluzione è ottima per le tranvie extraurbane, ma per le urbane? Io propongo la sede separata quando possibile, ma sono favorevolissimo all'ingresso nei centri storici.....magari a pantografi abbassati, come se non erro il translohr di Padova fa in un tratto......Tuttavia il fascino delle tranvie anteguerra non ce lo restituisce nessuno.......

    Andrea Bozzi
1