Quando la Metropolitana incontra la Storia

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: [1], 2
BiagPal
00Wednesday, March 21, 2007 8:01 PM
Apro questa discussione nella quale inserire contributi fotografici e video relativi ai rinvenimenti archeologici avutisi durante i lavori di scavo delle linee di Metropolitana delle varie città italiane.

Che il viaggio nella storia abbia inizio.



BiagPal
00Wednesday, March 21, 2007 8:05 PM
Questo è un servizio andato in onda durante una trasmissione del TGR "Il Settimanale" del 2005.

BiagPal
00Wednesday, March 21, 2007 8:08 PM
Questo è un video relativo all'inaugurazione del tunnel di collegamento tra la Stazione Museo della Linea 1 della Metropolitana di Napoli ed il Museuo Archeologico Nazionale (oltre che del restyling della Stazione Vanvitelli), avvenuta nel Marzo del 2005, ed all'interno del quale è stata realizzata una bella mostra di parte dei reperti rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione delle Stazioni della Linea 1 della Metropolitana di Napoli.



[Modificato da BiagPal 21/03/2007 22.02]

BiagPal
00Wednesday, March 21, 2007 8:10 PM
Un estratto di un servizio andato in onda durante la trasmissione "Ambiente Italia" del 4 Febbraio 2006. Da notare che l'intervista alla Sovrintendente Archeologico Maria Luisa Nava è stata realizzata all'interno del tunnel di collegamento tra la Stazione Museo della Linea 1 della Metropolitana di Napoli ed il Museo Archeologico.

[Modificato da XJ6 25/03/2007 16.14]

BiagPal
00Wednesday, March 21, 2007 8:13 PM
Questo invece è un estratto di un servizio andato in onda durante il TGR "Il Settimanale" di Sabato 17 Marzo 2007.



Ringrazio per l'enorme collaborazione Madeco. [SM=x346220]
sottostazione
00Thursday, March 22, 2007 10:32 AM
MetroTorino: La necropoli longobarda di Collegno
Dal sito del Gruppo Archeologico Torinese, ecco un articolo di Manuela Mazzon sulla necropoli longobarda rinvenuta a Collegno (TO) nel corso degli scavi per la costruzione del deposito e del posto di comando e controllo. Il tratto suburbano della metropolitana di Torino comprende attualmente due fermate ed il deposito nel territorio di Collegno. Il ritrovamento è avvenuto in un terreno non lontano della Certosa Reale, magnifico monumento un tempo integrato nel complesso dell'Ospedale Psichiatrico. Cliccate sull'articolo per visualizzarlo in formato piu' grande.




L'articolo è tratto dalla rivista Taurasia, consultabile on line sul sito.
Immagini dei corredi funebri rinvenuti nella necropoli (un po' scarsine, lo so, ma è tutto quello che ho trovato [SM=x346233] ):



[SM=x346219]

[Modificato da sottostazione 22/03/2007 12.10]

BiagPal
00Thursday, March 22, 2007 12:10 PM
Grazie per le foto e per l'articolo molto interessante. Non sapevo che anche a Torino erano stati ritrovati reperti archeologici durante gli scavi della metropolitana. Avresti altre foto? [SM=x346235]

[Modificato da XJ6 22/03/2007 18.10]

davto
00Thursday, March 22, 2007 12:25 PM
Presenze longobarde
Era proprio bella la mostra che hanno allestito nel 2004 sui ritrovamenti longobardi proprio negli spazi della Certosa Reale di Collegno.
E'un argomento molto interessante quello dei ritrovamenti archeologici durante gli scavi della metropolitana.
Una bella idea è esporli nelle stazioni, come avviene ad Atene ad esempio.
[SM=x346219]
sottostazione
00Thursday, March 22, 2007 1:32 PM
MetroTorino: La necropoli longobarda di Collegno/2
All'epoca non mi era stato possibile visitare la mostra, ma tutti mi hanno detto che era davvero ben strutturata. Tu, Mauro, l'hai visitata?

Ecco altre immagini:








[Modificato da sottostazione 23/03/2007 2.11]

Francesco E.
00Thursday, March 22, 2007 1:48 PM
Io penso proprio che dovrebbero chiamarci a Stoccolma... o almeno Mondotram e forum dovrebbero essere citati sulla Treccani... o no? [SM=x346232] [SM=x346232] [SM=x346232] [SM=x346250] [SM=x346250]
Robby Cal
00Thursday, March 22, 2007 3:42 PM
Come al solito, un'ottima idea Biagio... Un'idea davvero interessante, una discussione molto originale...
[SM=x346220] [SM=x346232] [SM=x346230] [SM=x346227]
BiagPal
00Thursday, March 22, 2007 5:06 PM
Davvero impressionante questa foto di una tomba Longobarda. E' la prima volta che vedo una foto di un ritrovamento di una tomba. [SM=x346220]
mimiMetro
00Thursday, March 22, 2007 9:44 PM
Ben fatto Biagio
[SM=x346220] hai avuto un ottima idea....
domani vi faccio una bella sorpresa [SM=x346239]
Madeco
00Thursday, March 22, 2007 9:48 PM
Domani?
La vogliamo ora. Subito!!!! [SM=x346232] [SM=x346232] [SM=x346220]
Scherzo
Ciao

[SM=x346219]
Francesco E.
00Thursday, March 22, 2007 10:16 PM
Dai, dai! Tira fuori il tuo.... scheletro dall'armadio!!! [SM=x346251] [SM=x346251] [SM=x346232] [SM=x346232]
mimiMetro
00Friday, March 23, 2007 9:38 AM
napoli greco romana
questi sono due stralci della mappa che ricostruiche la citta antica, fatta sulle indicazione di Capasso a fine '800. in sovrapposizione, vi è la citta ottocentesca, quella della espansione del IV secolo a.c. (in giallo) e quella grega (sfondo chiaro).
con il tratteggio è indicato lo sventramento della bonifica, fatta a fine '800, attraverso il quale (e non solo), Capasso (un genio) ha ricostruito l'assetto antico della città, dondo certezze alle sue teorie tratte, prima di allora, da sole ricerche bibbliografiche.




Era solo questa la sorpresa. mi aspetto vostre riflessioni.

[SM=x346219]

[Modificato da Francesco E. 24/03/2007 17.26]

BiagPal
00Saturday, March 24, 2007 12:34 PM
Beh in effetti è stupafecente che Capasso, in base soprattutto a delle intuizioni sia riuscito a prevedere, con un secolo di anticipo (e con molti mezzi tecnologici in meno) ciò che gli archeologici stanno scoprendo oggi.
L'unica differenza è data dal fatto che la ricostruzione fatta oggi, prevede un'unica grossa insenatura al posto di quella che Capasso chiama "Porto Antico" e "Porto Nuovo". Peccato che non sia riuscito a trovare una foto di tale ricostruzione.
BiagPal
00Saturday, March 24, 2007 12:57 PM
Riporto quì il mio piccolo reportage sui lavori di scavi archeologici del cantiere per la realizzazione della Stazione di Piazza Municipio delle Linee 1 e 6, visitabile in via del tutto eccezionale in occasione della festa dell'arte della Regione Campania, i giorni 3 e 4 Marzo. C'è da precisare che non si è potuto scendere all'interno dell'area di scavo, per ovvi motivi di sicurezza, ma si è potuto vedere il tutto dall'alto.

Ecco una prima panoramica dell'area di scavo fotografata dal ponte pedonale posto sul fossato del Maschio Angioino, aperto qualche mese fa.


Sempre un particolare dell'area degli scavi. Si vede sullo sfondo il tunnel dei vecchi sottopassi di Piazza Municipio, ora utilizzato come deposito.



Sempre una foto dell'area di scavo scattata dal ponte pedonale. Si noti al centro, non coperto dal lenzuolo bianco, una parte del muraglione/pontile aragonese della famosa litografia Strozzi.



Una foto degli ambienti di deposito per le munizioni, scattata sempre dal ponte pedonale. Durante gli scavi sono state ritrovate centaia di munizioni arruginite che hanno confermato che si trattava di ambienti utilizzati dal vecchio esercito Borbonico.



Questo che può sembrare un pozzo è invece la base di una torreta che tramite un muro era collegata all'arco/porta Aragonese arrivata integra fino ai giorni nostri.



Un'altra foto degli ambienti di deposito per le munizioni, scattata questa volta dall'interno del cantiere. Attualmente questi ambienti sono coperti da una tettoia in plexiglas al di sotto della quale si stanno proseguendo gli scavi e dove tra i 3 ed i 3,20 metri di profondità sono già state trovate strutture di epoca romana, in particolare un bel mosaico. Giustamente l'archeologa faceva notare che è incredibile che in appena 20 centimetri ci siano 1500 anni di storia.



Ecco una panoramica dell'area di scavo scattata dall'interno del cantiere. Si noti in basso l'imponente muraglione difensivo del XV secolo.



L'imponente muraglione in primo piano.



Ecco il punto in cui il muraglione si incrocia con il Torrione dell'Incoronata. Gli scavi relativi al Torrione vengono eseguiti
scavando dal di sotto, senza quindi dover estendere l'area di scavo.



Questa invece è una foto della planimetria dell'area di scavo.



PER INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCARE SULLA FOTO

[Modificato da Francesco E. 24/03/2007 17.28]

BiagPal
00Saturday, March 24, 2007 1:15 PM
Questa foto riproduce due momenti storici che oggi non esistono, quello di superficie ricostruisce Piazza Municipio in epoca romana, nel sottosuolo quella che sarà nei prossimi anni...

non si può prescindere dalla storia. [SM=x346220]


[Modificato da Francesco E. 24/03/2007 17.29]

mimiMetro
00Monday, March 26, 2007 11:09 AM
Napoli antica secondo Capasso

Scritto da: BiagPal 24/03/2007 12.34
Beh in effetti è stupafecente che Capasso, in base soprattutto a delle intuizioni sia riuscito a prevedere, con un secolo di anticipo (e con molti mezzi tecnologici in meno) ciò che gli archeologici stanno scoprendo oggi.
L'unica differenza è data dal fatto che la ricostruzione fatta oggi, prevede un'unica grossa insenatura al posto di quella che Capasso chiama "Porto Antico" e "Porto Nuovo". Peccato che non sia riuscito a trovare una foto di tale ricostruzione.



Bartolomeo Capasso ebbe modo di assistere ai lavori del risanamento, attraverso i quali fu sventrato il centro storico per realizzare il rettifilo e via De Pretis. durante gli scavi furono trovati moltissimi reperti, alcuni distrutti altri conservati al museo nazionale. in particolare, Capasso trovò la statua che raffigura la vittoria (è esposta nella mostra allestita alla stazione museo), nei pressi di quello che lui individuò come stadio, in questi luoghi, fu il primo a trovare alcune delle lapidi recanti le scritte con i nomi dei vincitori dei giochi quinquennali (tutti materiali usati come pietra da costruzione). inoltre trovò l'edificio delle terme oggi perduto (alcuni ornamentei sono al museo archeologico). ritrovò anche la strada romana che delimitava il ginnasio, con tanto di senciato e marciappiedi in pietra. attraverso i suoi studi letterari e ricerche bibliografiche, risalì a tutte le scoperte che c'erano state negli ultimi secoli, da prima dei borbone alla fine dell'ottocento, trovò documenti che testimoniavano ritrovamenti di antichi templi o cripte sepolte (oggi persi), rinvenute in diversi periodi storici dal rinascimento in poi. studiando antiche scritture, ebbe modo di rilevare l'importanza del ginnasio e dell'annesso stadio nel contesto internazionale, descrivendone la tipologia e i giochi che si tenevono, compreso le modalità ed i regolamenti con cui si svolgevano.

circa la ricostruzione morfologica dell'antica linea di costa, le ricerche geologiche individuano una sorta di fiorfo (vallone sommerso) scavato nel tufo nell'area di piazza municipio. un costone tufaceo nella zona in cui Capasso individuava la posizione di un faro e poi un piccolo golfo dove Capasso individua il porto vecchio grazie ai ritrovamenti da lui fatti con lo sventramento di via De Pretis.

in sostanza, napoli è cresciuta per secoli su se stessa, gli edifici venivano più volte riedificati, usando materiali e fondazioni di quelli preesistenti. Capasso non aveva la possibilità di datare i ritrovamenti con i nuovi metodi scentifici (ad esempio con l'isotopo del carbonio), ma grazzie alla combinazione degli studi letterari e delle ricerche archeologiche da lui personalmente condotte, è riuscito a dare un volto alla città antica e datare, con un ottima approssimazione, i suoi passaggi evolutivi.
mimiMetro
00Monday, March 26, 2007 11:43 AM
Tavola Strozzi
La Napoli rinascimentale, quella dei muraglioni ritrovati in piazza municipio e di cui Biagio ci ha fatto un bel reportage, è ben visibile nella tavola Strozzi, dipinto conservato al museo di S. Martino, presso l'omonima certosa.
attraverso questo link potete vedere un immagine del dipinto rinascimentale.

www.storia.unina.it/strozzidef.html
Giampi5
00Tuesday, March 27, 2007 11:03 PM
non solo a roma...
Incredibile! Non ne sapevo proprio niente, né di Napoli né di Torino. Bei servizi. Naturalmente la città per eccellenza (non ancora citata, se non da uno che ha la, chiamiamola, disgrazia di abitarci...) per i ritrovamenti archeologici nella costruzione di metropolitane è Roma, dove tali scoperte sono fonti di grossi intralci per il buon andamento dei lavori. Almeno voi napoletani da quello che vedo le vivete con orgoglio [SM=x346230]
BiagPal
00Wednesday, March 28, 2007 12:04 AM
Anche perchè i reperti oltre che aiutare nella ricostruzione della Storia di Napoli andranno ad arricchire le Stazioni stesse. Penso proprio che ne vale la pena aspettare...
BiagPal
00Wednesday, March 28, 2007 12:11 AM
Ed ecco la Tavola Strozzi



PER INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCARE SULLA FOTO
BiagPal
00Tuesday, May 1, 2007 6:45 PM
Riporto quì alcune foto scattate nei mesi scorsi, e già presenti nella discussione Metroplitana di Napoli, riguardanti il Muraglione Aragonese rinvenuto durante gli scavi delle uscite della Stazione Toledo della Linea 1 della Metropolitana di Napoli.








[Modificato da BiagPal 01/05/2007 18.54]

BiagPal
00Tuesday, May 1, 2007 7:23 PM
Un confronto tra la ricostruzione della linea costiera compresa tra Piazza Municpio e Porto Salvo, fatta da Bartolomeo Capasso



e quella realizzata a seguito dei lavori di scavo della Stazione Municpio della Linea 1 della Metropolitana di Napoli.


[Modificato da BiagPal 01/05/2007 19.26]

BiagPal
00Tuesday, May 1, 2007 8:10 PM
Stazione Neapolis
Ecco alcune foto della bella mostra di una parte dei reperti archeologici ritrovati durante gli scavi della Metropolitana di Napoli (al marzo 2005 erano stati rinvenuti circa 6 milioni di reperti archeologici, cifra che attualmente potrebbe essere raddoppiata) presente all'interno del tunnel di collegamento tra la Stazione Museo della Linea 1 della Metropolitana di Napoli ed il Museo Archeologico Nazionale.

L'ingresso



Una foto dei solchi d'aratro di età preistorica rinvenuti durante i lavori di scavo della Stazione Toledo



Una ricostruzione del campo arato presente nella mostra



Una ricostruzione del fondale dell'antico porto dove erano visibili i segni di un dragaggio del porto effettuato dagli antichi romani



Una foto del carico di anfore e di numerosi altri ogetti rinvenuti all'interno delle tre barche ed intorno ad esse





Monete rinvenute sempre all'interno delle barche





Alcuni ogetti in legno rinvenuti all'interno delle barche (alcuni di essi sono dei pezzi delle barche impiegati per reggere le vele) e che fino a qualche mese fà erano contenuti all'interno di una teca piena d'acqua.



Una fistula in bronzo di epoca romana rinvenuta sempre negli scavi per la realizzazione della Stazione Municipio.



Alcuni capitelli, parti di colonne e travi del tempio dei giochi iso-olimpici di età Augustea rinvenuto durante gli scavi della Stazione Duomo.





Lapidi in marmo, rinvenute sempre durante gli scavi per la realizzazione della Stazione Duomo, dove sono riportati i nomi dei vincitori dei giochi iso-olimpici che si tenevano a Napoli in età Augustea





Testa di statua, rinvenuta sempre durante gli scavi per la realizzazione della Stazione Duomo, attribuibile ad un giovane principe della famiglia giulio-claudia



Materiale di scarto utilizzato come riempimento di alcuni pozzi rinvenuti sempre durante gli scavi per la realizzazione della Stazione Duomo.



Vasi, anfore ed altri oggetti di vita quotidiana rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione della Stazione Università





Vasi ed anfore, del XII-XIII secolo, di manifattura Cinese rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione della Stazione Università. A testimonianza di come erano fiorenti gli scambi con l'oriente.



[Modificato da BiagPal 01/05/2007 20.16]

jarpy1984
00Thursday, May 3, 2007 11:16 PM
Tutto molto bello ma questo collegamento non è oramai chiuso da tempo ??? ho provato a vederlo più volte ma la portaè sempre chiusa :(
BiagPal
00Friday, May 4, 2007 11:55 AM
No. E' sempre aperto, ci sono passato l'altro giorno. Solo la Domenica, però, chiude alle 13.00.
Robby Cal
00Wednesday, October 24, 2007 7:42 PM
Certamente la storia che mi accingo qui a "rimembrare" è di certo più recente di quella sopra elencata, ma credo valga la pena comunque ricordarla...
Nel piazzale antistante la funicolare di Chiaia a via del parco Margherita (vicino p.za Amedeo, per capirci) c'è questa targa, ormai un pò offesa dal tempo passato, che ricorda come le funicolari vomeresi un tempo fossero gestite da una concessionaria di trasporto pubblico ben diversa dall'attuale...



CLICCARE SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:48 AM.
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com