PALERMO - METROPOLITANA

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Krokodil
00Friday, September 30, 2005 11:51 PM
Vi rigiro quanto ho trovato su www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=191637 , non ho ancora eltto tutto.

==============================



La metropolitana leggera automatica sarà l’asse portante del nuovo sistema dei trasporti pubblici a Palermo. Una linea sotterranea che attraverserà la città da un capo all’altro, passando per il centro, con uno sviluppo totale di 17,6 chilometri.

I numeri sono di tutto rilievo. Con una spesa di 1.085 milioni di euro, si realizzerà un’opera in grado di far viaggiare, in media, circa 100 milioni di passeggeri all’anno. Nelle ore di punta, la metropolitana potrà trasportare fino a 24 mila persone per ciascun senso di marcia. Il servizio si baserà sulla frequenza delle corse (fino ad una ogni 90 secondi) più che sulle dimensioni dei convogli. Ciascun veicolo potrà trasportare circa 150 passeggeri in condizioni normali, ma la capienza può aumentare fino a 210 nei momenti di maggiore affollamento. La velocità massima dei convogli in esercizio sarà di circa 80 chilometri orari, quella commerciale di 30 chilometri all’ora.

Sviluppata, finora, soltanto in uno studio di fattibilità, che il Comune ha acquisito dalla Provincia (lo ha redatto l’Università), l’idea della metropolitana si avvia, ora, ad assumere i connotati del progetto vero e proprio. Dopo una gara d’appalto bandita ad hoc, infatti, è stato affidato l’incarico per la stesura del progetto preliminare di un primo stralcio (da via Oreto alla stazione Notarbartolo) pari a circa metà dell’intero tracciato, per avviare i lavori, poi, mediante appalto in concessione (progettazione esecutiva, realizzazione e gestione delle opere).

A elaborare il progetto sarà la ditta l’associazione temporanea di imprese formata da Systra s.a. di Roma, Ingegneria Y Economia del Transporte s.a. di Ineco (Madrid), Lombardi Italia Ingegneri Consulenti s.r.l., Dominique Perrault e Technital s.p.a., che in gara d’appalto (bando) ha ottenuto il miglior punteggio nella valutazione complessiva sugli aspetti tecnici ed economici.

L’incarico comprende i rilievi, le indagini geognostiche e di laboratorio, le relazioni geotecniche e le elaborazioni cartografiche. La stesura del progetto preliminare deve essere portata a termine nei 150 giorni successivi alla stipula del contratto d’appalto e alla formale consegna delle prestazioni. L’importo contrattuale è di 6 milioni e 37 mila euro. Quello complessivo, al lordo dei ribassi d’asta e delle spese, è di 7 milioni e 65 mila euro.

Il finanziamento proviene dal Governo nazionale, che ha inserito la metropolitana leggera di Palermo fra le opere di interesse strategico nazionale, anche se parte della somma viene anticipata dal Comune attraverso mutui. La progettazione della metropolitana in due segmenti distinti serve, innanzitutto, ad accelerare i tempi di definizione degli elaborati, ma anche ad acquisire più agevolmente i finanziamenti per i lavori.

Il tratto Oreto-Notarbartolo è un importante segmento dell’intera linea. La progettazione durerà circa sei mesi fra rilievi, indagini geognostiche o di laboratorio, relazioni geotecniche ed elaborazioni cartografiche. In base allo studio di fattibilità che il Comune mette a disposizione dei progettisti, il tratto Oreto-Notarbartolo, con i suoi sette chilometri, copre un po’ meno di metà del tracciato completo della metropolitana, e comprende dieci fermate: svincolo Oreto, Oreto sud, Oreto nord, piazza Giulio Cesare, piazza Borsa, Teatro Massimo, Politeama, via Archimede, piazza Alberico Gentili e stazione Notarbartolo. Il tempo di percorrenza dallo svincolo Oreto alla stazione Notarbartolo, secondo le stime iniziali, è di quasi 12 minuti.

I lavori per costruire questa prima parte della linea, fra materiale rotabile, opere civili e sistemi tecnologici, avranno un costo complessivo di circa 535 milioni di euro. Si prevede che una quota consistente arrivi dallo Stato, mentre al resto penseranno il Comune con mutuo Bei e la ditta chiama a gestire l’infrastruttura.

Quando, poi, si progetterà e si realizzerà anche il secondo tratto, fino a Tommaso Natale-Partanna Mondello, la metropolitana avrà un’estensione complessiva di quasi 18 chilometri. Come detto sopra, il costo dell’intera opera è di 1 miliardo e 85 milioni di euro. La sola progettazione dei due stralci costerà, complessivamente, circa 25 milioni di euro, la cui copertura finanziaria è in gran parte assicurata dalla cosiddetta “Legge Obiettivo” per le opere di interesse strategico nazionale.

La metropolitana leggera automatica di Palermo viaggerà su gomma anziché su rotaia e si caratterizzerà, quindi, per uno scorrimento silenzioso, con bassa trasmissione di vibrazioni al terreno e all’ambiente urbano circostanti. Questa peculiarità andrà a vantaggio anche degli utenti della metropolitana sotto il profilo del comfort.

Sono sempre più numerose le grandi città che, nell’ambito delle strategie di mobilità sostenibile, scelgono la metropolitana leggera come punto di riferimento per potenziare il sistema di trasporto pubblico urbano. Basta citare, nel panorama europeo, gli esempi di Copenhagen, Dublino e Birmingham, ai quali fanno riscontro, in Italia, le esperienze in progress avviate da Torino, Brescia, Genova, Bologna e Sassari.

Il perché sta nei molti vantaggi che questo tipo di metropolitana offre agli enti committenti, ai gestori ed anche agli utenti. Innanzitutto, i costi di costruzione e di esercizio sono relativamente bassi. Inoltre, la conformazione dei vagoni consente di modificare la lunghezza dei treni in base alle necessità contingenti di traffico. In tal modo, ad esempio, si può aumentare, quando è necessario, la frequenza delle corse, riducendo il rischio di ritardi.

In più, nei sistemi driverless (cioè senza conducente, con guida automatica a distanza) diminuisce il pericolo di errore umano a beneficio della sicurezza. Ciò consente, peraltro, di impiegare il personale prevalentemente nell’assistenza ai passeggeri.

fonte:
Comune di Palermo © 2005
sottostazione
00Saturday, October 1, 2005 12:24 AM
Particolare divertente
Grazie Krokodil, per questa notizia.
L'utilita' di una linea (o piu' linee) di metropolitana, in questa citta' grande e trafficata (680.000 abitanti nel solo comune), è chiara a tutti. Non capisco pero' per quale motivo la definiscano "leggera". Se ho ben capito il senso dell'articolo, il sistema che dovrebbe sorgere sarebbe simile a quello torinese: allora perchè viene citata Sassari (con i suoi tram nuovi di zecca) tra i progetti analoghi? La cosa mi diverte perchè Palermo, negli anni '90, è stata teatro di un duro scontro politico tra i sostenitori del tram e quelli della metropolitana. Ed è a causa di questa contrapposizione, quasi ideologica, che la citta' non si è potuta dotare prima di un nuovo sistema di trasporto urbano. Ma ora che si è arrivati ad una decisione definitiva (giustissima, secondo me), viene citato come esempio di infrastruttura analoga proprio una linea tranviaria. Non vi sembra curioso? [SM=x346232]
[SM=x346219]

[Modificato da sottostazione 01/10/2005 0.58]

Krokodil
00Saturday, October 1, 2005 12:01 PM
Con la moda di chiamare qualsiasi mezzo di trasporto "metro" i poveri politici e giornalisti non capiscono più niente

Delle città citate, Bologna, Sassari, Dublino e Birmingham hanno in funzione o progetto delle tranvie, magari in sede protetta o con pezzi in tunnel, ma comunque con incroci con strade. Una metropolitana, dal mio punto di vista, è un sistema completamente indipendente dalla strada...
LHB
00Saturday, October 1, 2005 1:23 PM
METRO PALERMO: un progetto ma quando si farà?
Ba, non vi siete accorti che in Italia tutto è una metropolitana? tram, translohr, ferrovia metropolitana[SM=x346232]
Scherzi a parte, i progetti per Palermo (presenti in rete già da più di un anno, se non di più) sono divisi in tre parti differente:

la metropolitana automatica, il quale tragitto mostrato da Krokodil - sarà senza conducente, "un pò leggera" (convogli non troppo larghi), come quelli di tipo VAL o quelli Ansaldo (Kopenhagen,Brescia)

- il passante ferroviario FS potenziato con qualche nuova stazione

- il ritorno del tram con due reti indipendenti, tre linee per una lunghezza totale di ca.15 km (se questo tram è anche esso una metrò leggera secondo i politici, la citazione di Sassari si può capire[SM=x346239] ).

Si è sentito nulla per ora sulla costruzione della metrò automatica, pero hanno dovuto fare una nuova gara per le tranvie non avendo ricevuto abbastanza di offerte[SM=x346246]

Sono un pò schettico che tram o metro vedono la luca negli 15 anni che vengono...

[SM=x346219]
LHB



EDIT: ho guardato sul sito dell'UE: i bandi di gara per la metrò e eil tram ci sono, dunque c'è speranza che ci saranno novità a fine anno o in primavera 2006[SM=x346225]

[Modificato da LHB 01/10/2005 13.34]

[Modificato da LHB 01/10/2005 13.35]

Augusto1
00Saturday, October 1, 2005 3:54 PM
metropolitane leggere e pesanti
In realtà una differenza ci sarebbe: si definisce metropolitana pesante quella di tipo tradizionale, esercitata con treni veri e propri, personale di guida presente a bordo e infrastruttura (e segnalamento) di tipo ferroviario (es. Napoli, Roma, Milano). Rientrano nella dizione "leggera" tutte le linee esercitate con materiale di tipo tranviario (es. Sassari, Genova, la linea 6 di Napoli) o di tipo automatico (es. il VAL torinese). E' evidente, però, che il termine "leggero" è abusato e si crea confusione, ma questo dipende prevalentemente dalla concezione con cui si costruiscono i tram oggi, sotto forma di convoglio e non più di elettromotrice monocassa.
Paco883
00Wednesday, December 10, 2008 7:05 PM
Re: METRO PALERMO: un progetto ma quando si farà?

Ba, non vi siete accorti che in Italia tutto è una metropolitana? tram, translohr, ferrovia metropolitana
Scherzi a parte, i progetti per Palermo (presenti in rete già da più di un anno, se non di più) sono divisi in tre parti differente: (...)
Sono un pò scettico che tram o metro vedono la luca negli 15 anni che vengono...

Rispondo ad LHB

Per fortuna le cose sono andate diversamente da quanto pronosticato

Nel marzo 2007 è iniziato il cantiere del tram

Nel febbraio 2008 il cantiere del passante ferroviario che al termine avrà 15 stazioni urbane (praticamente una metropolitana pesante o una S-Bahn per dirlo alla tedesca)

A gennaio 2009 inizieranno i lavori dell'anello ferroviario (8 stazioni tutte in centro)

A novembre 2008 è stato finanziato il primo stralcio della metropolitana leggera (VAL), che sarà del tutto simile a quella di Torino
Cos6
00Tuesday, June 11, 2013 1:44 PM
Metropolitana, si taglia sulle corse a Palermo
www.gds.it/gds/edizioni-locali/palermo/dettaglio/articolo/gdsid...
flapane
00Tuesday, June 11, 2013 5:07 PM
In Italia, e l'articolo del GdS lo prova nuovamente, c'è un abuso spaventoso del termine "metropolitana". C'è a Palermo, c'è a Cagliari, c'è a Catanzaro, perchè è "cool" dirlo. Quando si parla di corse ogni 30 o 60 minuti, poi...
La vera metropolitana leggera automatica, in una delle città più congestionate d'Italia e dove servirebbe come il pane, è in discussione a Palermo da un paio di decenni, ma risulta impossibile reperire oltre un miliardo di fondi necessari, al netto dei proclami di questo o quel Sindaco/Assessore.
Cos6
00Friday, July 12, 2013 1:56 PM
trammue
00Saturday, July 13, 2013 10:24 PM
ah, una metropolitana a cielo aperto...
infatti, perchè andare sottoterra con quel bel sole di sicilia?
a dire il vero, di binari in superficie li ho visti pure nella nebbiosa milano, ma lì, non so perchè, li chiamano tram.....
flapane
00Sunday, July 14, 2013 1:14 PM
Ma ora fa figo, per i politici, chiamare i tram Metropolitana, Palermo non è l'unico caso, penso anche a Cagliari.
Il tram fa "vecchio", è rumoroso. Metropolitana è cool.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:32 AM.
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com