I VECCHI TRAM DI FIRENZE

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: 1, 2, 3, [4], 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13
Roberto Amori
00Sunday, December 25, 2005 10:53 PM
Vettura due assi n.50

Veramente molto bella la foto di Piazza dell'Olio che ci ha mostrato Stefagin.
Io vi propongo questa bella due assi 50 ritratta nel 1956 dal famoso appassionato Boehm e di cui possiedo un originale.



Agli amici fiorentini il compito di qualche chiacchiera su questa immagine
Stefagin76
00Monday, December 26, 2005 9:54 PM
strana posizione...
Anzitutto gli amici fiorentini rimangono come sempre a bocca aperta per la insauribile vena fotografica di Roberto e chiedono prontamente copia via mail dell'ultima splendida immagine come... regalino natalizio! [SM=x346239]

L'immagine si presta a numerosi commenti: anzitutto lo scenario, la famosissima Piazza Santa Maria Novella, dalla chiesa retta dai frati Domenicani (in contrapposizione a Santa Croce, retta dai Francescani), la cui facciata risalente a metà del 1400 è opera niente meno che di Leon Battista Alberti. Vicino al tram, sulla sinistra e tagliato, si nota uno dei due obelischi posti alle estremità della piazza stessa, eretti tra seicento e settecento (credo) con la funzione di segnare il punto di svolta delle "corse de' cocchi" che compivano un circuito ellittico nella piazza stessa (tipo corsa delle bighe nell'antica Roma, stile "Ben Hur"). I "Cocchi" in questione "prendevano le mosse", cioè partivano, in prossimità del ponticello sul mugnone nell'attuale Piazza Puccini per prendere un maggiore abbrivio ed arrivare in piazza Santa Maria Novella ad andatura sostenuta. Non a caso la strada che essi percorrevano si chiama ancora oggi Via del Ponte alle Mosse.

Per venire al tema tranviario che più strettamente ci interessa, dirò che la foto mi lascia perplesso: il tram sembrerebbe in servizio sul 6 (via Sarpi - Monticelli). I binari della linea in questione, staccatisi da via cerretani, percorrevano Via dei banchi ed entravano in piazza; effettuata la fermata i tram si immettevano poi in via dei Fossi per imboccare il Ponte alla Carraia e passare Oltrarno. Ora, il binario nella foto sembra però troppo spostato verso Via degli Avelli, la stradina che conduce alla Stazione: considerato che mai i binari sono passati da questa strada, azzardo a dire che ciò che vediamo è un tronchino situato "a monte" della fermata del 6, come detto più spostata verso sinistra, sul quale potrebbe essere fermo un tram della linea 36/37. Il problema è che di tale tronchino non ho trovato traccia in nessun libro o documento...

Oggi la piazza è capolinea delle linee 36/37 e fermata di transito delle linee 11 e A, però sotto le Logge in angolo con Piazza Ottaviani, dal momento che via degli Avelli è stata pedonalizzata e in un futuro tutta la piazza dovrebbe esserlo, anche per tentare di strapparla all'attuale stato che, se forse non si può definire compiutamente degrado, certo non è additabile ad esempio di pulizia e tranquillità...
simopa
00Wednesday, December 28, 2005 12:00 PM
Re: strana posizione...

Scritto da: Stefagin76 26/12/2005 21.54
Ora, il binario nella foto sembra però troppo spostato verso Via degli Avelli, la stradina che conduce alla Stazione: considerato che mai i binari sono passati da questa strada



Se fai attenzione alla foto anche se si vede un po' male si nota che i binari curvano a sinistra per entrare nella piazza come se ci fosse un anello di ritorno.

[SM=x346219]

Paoloilfiorentino
00Saturday, December 31, 2005 2:26 PM
Piazza Santa Maria Novella - mistero chiarito
Cari amici,
sono in grado di far luce sul piccolo mistero riguardante la bella foto inviata da Roberto: da bambino passavo spesso da Piazza Santa Maria Novella, sia in tram che a piedi, e ricordo benissimo il capolinea tranviario là situato. La foto, come indicato, risale al 1956, ed è quindi posteriore all'eliminazione dei tram dall'itinerario Stazione - Duomo - San Marco. La cosidetta "Operazione Strade" comportò anche l'eliminazione del tratto a doppio binario Via Panzani (altezza Via Rondinelli) - Via dei Banchi - Piazza Santa Maria Novella, percorso solamente dai tram della linea 6. Negli ultimi mesi di esercizio, gli autobus servivano tale linea dal capolinea di Via Villari fino a Piazza Santa Maria Novella, ove si doveva trasbordare e proseguire verso Monticelli e Legnaia in tram.
La motrice che vediamo nella foto è appunto in servizio sulla linea 6 barrato, limitata a Monticelli. Le vetture in servizio sul 6 utilizzavano il capolinea a binario tronco utilizzato negli ultimi anni di esercizio tranviario anche dalle linee 36 e 37 per il Galluzzo e Tavarnuzze. Piazza Santa Maria Novella non era dotata di anello di ritorno, né i tram vi potevano accedere da Via degli Avelli, priva di impianti, come ricorda con precisione Stefano; provenendo da Via dei Fossi lo scambio verso Via dei Banchi era situato prima del chiosco giornali, ancor oggi esistente. In anni lontani la piazza veniva attraversata dal tram a vapore per Peretola - Campi - Prato, il cui binario la tagliava in diagonale passando tra i due obelischi, prima della piacevole sistemazione a giardino oggi purtroppo rimessa in discussione. La collocazione dei binari risulta evidente nella bella cartolina invaiata da XJ6 in apertura di discussione.
Altre notizie sulle linee tranviarie in partenza da Piazza Santa Maria Novella le potete trovare nella storia degli ultimi anni d'esercizio tranviario a Firenze. che con la collaborazone di Simone ho inserito nel nostro sito qualche settimana fa.
Saluti cordiali a tutti da
Paolo
Stefagin76
00Saturday, February 11, 2006 8:21 PM
ASCF
Al seguente link, digitando nella stringa "tranvia" oppure "tram" oppure "tramvia", trovate centinaia di disegni tecnici sui passati binari fiorentini.
Io personalmente mi sono fatto stampare su fogli A3 dall'Archivio stesso quasi tutti i disegni in questione...

http://opac.comune.firenze.it/easyweb/dis/libera.html

Stefano [SM=x346219]

[Modificato da simopa 11/02/2006 23.15]

simopa
00Saturday, February 11, 2006 11:14 PM
Archivio storico
Hai fatto benissimo ad inserire questa informazione Stefano, sono stato per la prima volta all'archivio storico del comune giusto una settimana fa per fare una ricerca per l'università e non essendoci mai stato vi ho trovato inaspettatamente tantissimo materiale, inutile dire che durante la mia ricerca universitaria ho un po' divagato anch'io sui vecchi disegni di linee tramviarie a Firenze a differenza tua però mi sono limitato a richiedere la stampa solo dei disegni che mi servivano per gli studi. Ma visto che costano veramente poco non escludo di rifarci un'altra visita a breve.

[SM=x346219]
AlessandroFan
00Wednesday, February 15, 2006 5:44 PM
Rassegna del Comune di Firenze
Desidero segnalare anche la rivista "Rassegna del Comune di Firenze", che veniva pubblicata dal Comune negli anni 30-60, e che contiene varie notizie su tranvie e filovie, incluse anche fotografie o disegni, come quelli delle previste motrici a carrelli che dovevano arrivare nel '42.
La rivista è (immagino ancora) consultabile presso la Biblioteca Comunale in V. S. Egidio, dove quando ero studente, quindi con più tempo a disposizione, e non c'era internet, andavo a cercare notizie sui vecchi tram e gli allora recentemente spariti filobus. Ero riuscito a consultare tutte le annate presenti....

Alessandro
Paoloilfiorentino
00Tuesday, April 18, 2006 1:56 AM
Ancora su Piazza Santa Maria Novella
Cari amici fiorentini,
torno ancora una volta sull'argomento Piazza Santa Maria Novella poiché una cartolina di cui sono recentemente entrato in possesso sembra chiarire ogni dubbio riguardo al capolinea tranviario qui situato. La cartolina, nella quale non compare alcun tram, risale sicuramente ai tardi anni '30 e mostra con molta chiarezza la disposizione degli impianti: una coppia di binari proviene da Via de’Banchi e curva verso Via de'Fossi, ma non compare ancora il capolinea tronco in uso fino al 1956. All'epoca la linea 14 per Tavarnuzze, infatti, faceva capolinea alle Logge del Mercato Nuovo, mentre nel dopoguerra, fino alla ricostruzione del Ponte alla Carraia, terminata nel 1952, il capolinea era stato forzatamente spostato in Oltrarno. Ne deduco quindi che il capolinea di Piazza Santa Maria Novella sia la penultima realizzazione tranviaria fiorentina, prima delle poche centinaia di metri installati alla Fortezza nel 1953 per la linea 8; secondo ogni evidenza, è rimasto in funzione per soli quattro anni.
Certo, la questione non è di quelle che non fanno dormire la notte, ma per amore di precisione storica ho ritenuto opportuno mettervi al corrente, diciamo così, dei risultati delle mie ultime ricerche.
Un caro saluto,
Paolo

mazzolo12
00Monday, June 19, 2006 10:23 AM
L'altro giorno passeggiando in piazza Ferrucci ho trovato questo tombino che porta inciso "travai fiorentini".

E' veramente un residuato della vecchia impiantistica?
Che cosa ci passava dentro?

Augusto1
00Monday, June 19, 2006 12:10 PM
per mazzolo12
Non voglio togliere la parola agli amici fiorentini che ne sapranno sicuramente più di me, ma credo proprio sia un tombino per la canalizzazione sotterranea necessaria al passaggio dei "feeder", i cavi di supporto per il trasporto della tensione al servizio dei tram.
Tramviere
00Thursday, June 29, 2006 5:25 PM
Foto vecchie
Ciao, cerco foto dei vecchi tram ad alta risoluzione (almeno 2 Megapixel); chi mi può aiutare? In cambio posso offrire foto di moderne vetture tramviarie da tutto il mondo, della stessa qualità.
Paoloilfiorentino
00Friday, July 28, 2006 10:32 PM
Appena trovo un po' di tempo...
Appena trovo un po' di tempo erco di mandarti qualche foto, caro Tramviere.
Cordialmente,
Paolo
Ataf
00Monday, August 21, 2006 11:59 PM
modellini fiorentini
io sto preparandomi a realizzare dei modellini in scala H0 delle vetture radiax e le così dette "Viareggine" e in fine una vettura a due assi. In futuro forse anche delle peter witt milanesi però con rivrera ataf in onore dele vetture mai arrivate a firenze. costruiro i modellini con fogli di plastica in styrene come si nota sul sito it.geocities.com/modeltramtorino/ , vi terrò informati sull'andamento dei modelli
se l'esperimento andra bene farò forse dei modelli extra da vendere , ma si vedrà
ciao ataf

[Modificato da Ataf 22/08/2006 20.54]

Ataf
00Wednesday, August 23, 2006 5:38 PM
Progetto
ecco il progetto di una motrice a due assi



PER INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCARE SULLA FOTO

[Modificato da XJ6 24/08/2006 0.56]

XJ6
00Friday, August 25, 2006 12:59 AM
Un saluto ad ATAF ed un incoraggiamento per il suo progetto, ma ...
... devo ricordare anche a lui che la dimensione massima delle foto inserite non deve eccedere i 500 pxl di larghezza.

Raccomando ancora una volta a tutti di fare sempre riferimento all'apposita sezione sulle immagini all'interno della sezione "uso del forum".

[SM=x346219]

Paoloilfiorentino
00Sunday, October 15, 2006 7:15 PM
Tram tra la Cattedrale ed il bel San Giovanni
Cari amici,

ho trovato recentemente questa bella cartolina, se non sbaglio non inclusa tra le immagini raccolte da Cefaratti e Malaspina, che mostra il percorso tranviario tra la facciata della Cattedrale ed il Battistero. La cartolina, purtroppo, non è "viaggiata", ma a giudicare dagli abiti dei passanti e dalla grafica della tenda del mitico caffé "Bottegone", proporrei gli anni '10 del secolo scorso.



Il percorso tranviario in questione, oggi del tutto impensabile, rimase attivo fino alla metà degli anni '50. Come ho avuto modo di scrivere qualche tempo fa nella sezione "Filobus di Firenze", nell'estate del 1969, appena un anno prima della chiusura ed a servizio già sospeso nei giorni festivi, la linea filoviaria 23 venne istradata, a causa di lavori di ripavimentazione, sul lato destro della Cattedrale ed un nuovo tratto di bifilare venne installato tra il Battistero ed il Duomo. Se ricordo bene, la decisione dell'Ataf provocò alcune perplessità, ma ben poche proteste: altri tempi, evidentemente.
Un cordiale saluto a tutti,
Paolo
tranviere dal 1951
00Monday, October 23, 2006 12:35 PM
Orario 1892
Buongiorno a tutti; entro ora nel forum con colpevole ritardo, pur avendolo seguito da tempo. Per cominciare vi allego la scannerizzazione dell'orario tranviario più vecchio che possiedo (1892). Non so se se leggerà, ma l'orario era stampato nella "Tipografia Corrigendi"; se non ricorso male, e vorrei il conforto di qualcuno, i "corrigendi" dovevano essere un riformatorio ante-litteram, che aveva sede nell'edificio in angolo fra Via della Scala e Via degli Orti Oricellari (dove ore c'è la Procura dei Minori): la cosa mi tornerebbe perchè mi risulta che la prima Direzione della "Belga", prima di essere spostata nel Viale dei Mille (1896?), aveva sede in Via della Scala 48, proprio di fronte ai corrigendi
tranviere dal 1951
00Monday, October 23, 2006 12:35 PM
retro orario
simopa
00Wednesday, October 25, 2006 3:58 PM
Benvenuto a tramviere dal 1951, se vuoi possiamo pubblicare le tue scansioni anche ad una risoluzione maggiore, se me le mandi al mio indirizzo di posta elettronica le posso inserire direttamente io nel forum

[SM=x346219]
Roberto Amori
00Wednesday, November 8, 2006 10:18 PM
Giovedì scorso...
... con mia moglie abbiamo portato i nostri ragazzi in gita a Firenze. Nell'occasione ho potuto parlare al telefono con Simone e addirittura incontrarci, in Piazza della Signoria, con Paolo Muraro che ci ha gentilmente fatto da guida in città.
Fra le tante cose Paolo ci ha ricordato la storia dei ponti che tutti, ad eccezione di Ponte vecchio, sul volgere della II Guerra Mondiale furono fatti saltare dalle truppe tedesche per coprirsi la ritirata.

Vorrei così postare questa bella cartolina, viaggiata nel 1931, che riprende il Ponte delle Grazie mentre vi transita un convoglio tramviario composto da motrice e due rimorchiate forse ex tram a cavalli:




Ed ecco infine l'ingrandimento del particolare che più ci sta a cuore:

trolleybus58
00Thursday, November 9, 2006 9:25 AM
Bella foto!
E molto bello il ponte in ferro, peccato che al contrario di quello di Santa Trinita non si sia potuto (o voluto) ricostruire come l'originale! La seconda vettura del rimorchio sembra una tipo "giardiniera" (vettura estiva). Penso che quindi la foto-cartolina sia stata scattata d'estate... [SM=x346233]
Paoloilfiorentino
00Sunday, November 19, 2006 9:08 PM
Ponti sull'Arno

Con qualche giorno di ritardo rispondo all'amico Roberto, che ho avuto il piacere di incontrare qui a Firenze qualche giorno fa, in compagnia della sua bella famiglia, cagnetta inclusa.
Mi dispiace solo dinon avere avuto iltempo per offrire a lui ed a sua moglie un caffè e ai ragazzi una bella tazza di ciccolata da "Rivoire", fiore all'occhiello dell'arte cioccolattiera fiorentina. Nelle poche ore passate a disposizione abbiamo avuto modo di passeggiare un poco per il centro e di oltrepassare il fiume attraverso Ponte Vecchio. Abbiamo ricordato le tragiche vicende belliche che portarono alla distruzione di tutti i ponti allora esistenti a Firenze, con la sola eccezione del Ponte Vecchio. Durante i primi giorni dell’agosto 1944 le truppe del Reich si predisponevano ad abbandonare Firenze, sotto l’incalzare delle truppe alleate provenienti da Sud; per rallentare l’avanzata dei nemici il comando tedesco decise di distruggere i ponti sull’Arno, che vennero minati e distrutti la notte del 4 agosto. A quanto sembra, un ordine diretto del Führer impedì la distruzione del Ponte Vecchio: il dittatore tedesco, ritenendosi uomo di grande sensibilità artistica ed artista egli stesso, non voleva che si perdesse una così illustre opera. Per ritardare l’avanzata delle truppe alleate vennero invece distrutti gli edifici sulle due rive destra e sinistra del fiume in corrispondenza del ponte stesso, di modo che la zona presenta oggi un aspetto molto diverso da quello dell’anteguerra.
Agli abitanti, sfollati in Palazzo Pitti, non restò altro che la memoria di quei luoghi.
Nel bellisssimo “Paisà” si ricorda come il Corridoio Vasariano servisse ai partigiani per spostarsi velocemente da una riva all’altra del fiume; ho sentito più volte rammentare anche il passaggio sotto il fiume, in corrispondenza della Torre della Zecca e della Porta di San Niccolò, all’interno della pescaia omonima, ma non sono mai riuscito a stabilire con certezza se tale passaggio esistesse veramente e se fosse stato usato dai membri della Resistenza: uno dei tanti misteri della nostra città ancora da chiarire.
Alcune note di storia minore: per ricostruire il Ponte Santa Trinita venne riaperta la cava di pietraforte in Boboli, a pochi passi dalla chiesa di Santa Felicita, che già era stata sfruttata i per la sua costruzione. Il ponte in questione fu l’unico ad essere ricostruito in forme del tutto identiche a quelle originali (anche se non mancarono le polemiche: si parlò a lungo di clamorosi errore nel riprodurre il disegno originario dell’Ammannati).
Gli altri cinque ponti vennero ricostruiti in forme sensibilmente diverse da quelle prebelliche. Per primo venne ricostruito il Ponte alla Vittoria (il vecchio Ponte Sospeso) nel 1946, seguì nel 1951 il Ponte alla Carraia, nel 1954 il Ponte San Niccolò, tutti e tre percorsi di nuovo dal tram.; nel 1957 vennero inaugurati il Ponte alle Grazie, che non riebbe i binari ma venne dotato di pali e rete aerea a servizio della linea filoviaria 23, l’unica a varcare il fiume, ed il nuovissimo Ponte Vespucci. Nel 1958 venne infine inaugurato il Ponte Santa Trinita, che nella mutilazione della statua della Primavera, orba della testa e di un braccio, recava le tracce della recente distruzione. Il miracoloso ritrovamento del “capo” della statua, nel 1961, alla mancanza del quale i fiorentini non si volevano rassegnare, auspicandone la ricostruzione, permise infine di porre fine alla vicenda.
La cartolina acclusa, impostata nel 1950, ma risalente agli anni’30, mostra chiaramente la struttura del Ponte alla Carraia così come appariva prima della Seconda Guerra Mondiale. Nella foto si distinguono bene i pali di sostegno della linea aerea e, aguzzando un po’ lo sguardo, il semaforo tranviario posto sul primo palo a sinistra guardando verso l’Oltrarno: la linea era, infatti, a binari unico da Piazza Goldoni fino a Via de’Serragli e Borgo San Frediano. Purtroppo, quando lo sconosciuto fotografo ha premuto il pulsante, nessun tram era in transito, al contrario di quanto è successo sul Ponte alle Grazie: nella foto postata dall’inesauribile Roberto possiamo ammirare un convoglio a forte composizione proveniente
con grande probabilità da Grassina e quindi in servizio sulla linea 12, diretto al capolinea di Piazza Duomo.
Composizioni motrice più due rimorchi si potevano osservare solo su questa linea, mentre convogli composti da motrice e rimorchiata erano in servizio su alcune linee suburbane: 14 per Tavarnuzze, 18 per Sesto Fiorentino, 27 per Scandicci e occasionalmente sulla circolare 19. Come Roberto giustamente suppone, parte delle rimorchiate derivavano da vetture a trazione animale. L’ultimo rimorchio venne accantonato nel 1956.

Un caro saluto,
Paolo
Ataf
00Sunday, November 19, 2006 10:37 PM
Progetti
ultimamente mi sono capitati sotto mano dei progetti costruttivi della vechia rete tramviaria e ora ho trovato il tempo di postarne qualcuno
Battistero

San Niccolò
AlessandroFan
00Tuesday, November 21, 2006 10:37 PM
Re: Ponti sull'Arno

Scritto da: Paoloilfiorentino 19/11/2006 21.08
ho sentito più volte rammentare anche il passaggio sotto il fiume, in corrispondenza della Torre della Zecca e della Porta di San Niccolò, all’interno della pescaia omonima, ma non sono mai riuscito a stabilire con certezza se tale passaggio esistesse veramente e se fosse stato usato dai membri della Resistenza: uno dei tanti misteri della nostra città ancora da chiarire.



Esiste. Ne ho avuto conferma una decina di anni fa da un libro sui segreti di Firenze, di cui ora non so indicare ne' il titolo ne' l'autore, ma vi erano anche le fotografie. Vi si parlava, mi pare, anche dell'uso fatto dai partigiani. Vi si può accedere dalla porticina dentro alla porta di Piazza Piave sul lato nord ("di qua d'Arno") e, oltrarno, da una scaletta presente nel bastione che si propende sull'Arno di fronte a Porta San Niccolò, vicino a quella che era una volta una chiusa per una presa di acqua. Il camminamento è costruito all'interno della pescaia, che in pratica è quindi un tubo.
All'epoca qualcuno in Comune si era interessato, e avevo sentito dire che ne fosse stato proposta (se non studiata) l'apertura al pubblico.

Se serve, dovrei essere in grado di recuperare i dettagli del libro.
Alessandro
Paoloilfiorentino
00Monday, November 27, 2006 6:45 PM
Passaggio sotto l'Arno
Caro Alessandro,
ti ringrazio per il messaggio. Anche a me è capitato tempo fa tra le mani il libro di cui tu parli e un po' confusamente ricordo che vi si faceva cenno al passaggio tra la Torre della Zecca e la Porta di San Niccolò. Lo scrittore fiorentino Leonardo Gori, estremamente preciso nella ricostruzione della Firenze degli anni '30/'40, vi ambienta una scena del suo "Nero di maggio", la cui vicenda ha luogo nel 1938; a giudicare da quanto scrive, già allora del passaggio si era quasi persa la memoria. Certo che sarebbe una bella idea ripristinarlo: si migliorerebbe la mobilità pedonale, offrendo una valida alternativa al Ponte San Niccolò, e si offrirebbe a fiorentini e turisti un itinerario di forte richiamo. Ma temo che tutto questo sia destinato a rimanere nel libro dei sogni.
Saluti cordiali,
Paolo
mazzolo12
00Monday, November 27, 2006 9:46 PM
Re: Ponti sull'Arno

Scritto da: AlessandroFan 21/11/2006 22.37
Se serve, dovrei essere in grado di recuperare i dettagli del libro.

Uhm, potrebbe essere un regalo interessante per Natale.
Se puoi farmi avere autore ed editore, mi faresti una grossa cortesia.

Confermo anch'io che si è parlato in tempi recenti della riapertura di questo sottopassaggio, un paio d'anni fà al massimo. Purtroppo all'annuncio, non è seguito altro.

[Modificato da XJ6 27/11/2006 23.56]

Lorenzo64
00Tuesday, November 28, 2006 12:42 AM
Credo che vi riferiate al libro di Stefano Sieni, I segreti di Firenze, Le Lettere, Firenze 1995. Prezzo 19,80 (ISBN 8871662369).
trolleybus58
00Tuesday, November 28, 2006 3:12 PM
Sulla mancata distruzione di Ponte Vecchio
Mi permetto con questa di dire la mia sulla scampata distruzione del più caratteristico ponte fiorentino: la suggestiva tesi secondo cui per ordine dello stesso dittatore nazista fu risparmiato, non è nuova e fa il paio, se vogliamo, con i soldati tedeschi che permisero, (sul serio) anche con i loro mezzi, di salvare buona parte dei beni mobili (biblioteca compresa), della altrettanto celebre Abbazia di Montecassino prima della sua distruzione definitiva ad opera dei bombardieri alleati. La verità (o comunque una visione più prosaicamente tecnico-strategica) sarebbe un'altra: i genieri tedeschi in un apposito studio avrebbero concluso che le soprastrutture di Ponte Vecchio (ovvero le caratteristiche botteghe orafe) in caso di distruzione del ponte avrebbero con le macerie loro e del ponte stesso costituito come una sorta di sentiero-passerella che avrebbe facilitato, anzichè ostacolato, il transito dei veicoli e corazzati alleati attraverso le due sponde dell'Arno, ed è così che si "ripiegò" con la distruzione delle due testate edilizie opposte, tra cui il quartiere dei Bardi. Del resto sulla presunta "sensibilità" dei nazisti verso le testimonianze storiche ne sa qualcosa la città di Fano, quando alla vigilia della loro ritirata fecero saltare quasi tutti i campanili e le torri medioevali della città adriatica, senza intenti strategici, ma unicamente per disprezzo verso gli ex alleati. Solo due campanili di salvarono per oscure ragioni, ed uno di questi è vicinissimo all'attuale stazione Trenitalia! Mi scuserete questa mia puntualizzazione "fuori tema" rispetto all'argomento del forum, ma è bene che di certe cose si conoscano anche i lati più "scomodi"! [SM=x346233]
Lorenzo64
00Wednesday, November 29, 2006 10:54 AM
Re: Sulla mancata distruzione di Ponte Vecchio

Scritto da: trolleybus58 28/11/2006 15.12
La verità (o comunque una visione più prosaicamente tecnico-strategica) sarebbe un'altra: i genieri tedeschi in un apposito studio avrebbero concluso che le soprastrutture di Ponte Vecchio (ovvero le caratteristiche botteghe orafe) in caso di distruzione del ponte avrebbero con le macerie loro e del ponte stesso costituito come una sorta di sentiero-passerella che avrebbe facilitato, anzichè ostacolato, il transito dei veicoli e corazzati alleati attraverso le due sponde dell'Arno, ed è così che si "ripiegò" con la distruzione delle due testate edilizie opposte.


Per dire che una cosa sia "verità" storica occorrono documenti: una visione "più prosaicamente tecnico-strategica" non è detto che debba corrispondere al vero. Ciò che non mi convince di questa ipotesi è che, innanzitutto, una cosa non avrebbe escluso per ipotesi l'altra (si poteva far saltare ponte Vecchio e anche le case poste ai due lati dell'Arno) e in secundis mi riesce davvero difficile immaginare come le macerie di un ponte, per quanto ingombranti, possano costituire "un sentiero-passerella che avrebbe (addirittura) facilitato... il transito dei veicoli e corazzati alleati". Con questo non voglio certo difendere in generale l'operato dei tedeschi nella seconda guerra mondiale, anche se lo scempio di Montecassino ad opera degli alleati dovrebbe metterci in guardia dal giudicare avvenimenti storici con il criterio dei "buoni e cattivi”.
Paoloilfiorentino
00Thursday, November 30, 2006 11:25 PM
Ancora sul Ponte Vecchio
Cari amici,
ancora poche parole riguardo alle tragiche giornate della ritirata tedesca da Firenze nell’agosto 1944.
Lorenzo ha esposto con chiarezza il suo punto di vista, che è anche il mio: a rigor di logica, la distruzione del Ponte Vecchio non avrebbe certo facilitato l’avanzata delle truppe alleate verso nord. Se non esistono documenti precisi riguardo all’ordine di Hitler che impedì la distruzione del ponte in questione, ammesso che tale ordine sia stato effettivamente impartito, è però certo che l’intendimento del comando tedesco era proprio la completa distruzione dei ponti. Al riguardo la documentazione fotografica è abbondante: numerose immagini nelle quali si vede come il Ponte Vecchio fosse stato minato, al pari di tutti gli altri, fugano ogni dubbio. L’ordine di non procedere alla sua distruzione deve esser necessariamente arrivato all’ultimo minuto, e certamente dal Führer in persona, o al massimo da qualcuno a lui molto vicino, dato che se l’iniziativa fosse stata presa da qualche comandante locale avrebbe comportato con grande probabilità l’immediata condanna a morte del suo autore. La tesi che vorrebbe Hitler stesso salvatore del Ponte Vecchio mi sembra invece abbastanza plausibile ed in linea con quanto sappiamo del dittatore nazista, che in più occasioni si era professato grande amante ed intenditore dell’arte rinascimentale. I due incontri tra Mussolini ed Hitler del maggio 1938 e dell’ottobre 1940 vennero organizzati a Firenze anche tenendo conto della predilezione che quest’ultimo sembrava mostrare per il capoluogo toscano. Inoltre, intervenire all’ultimo momento nello svolgimento delle operazioni militari con ordini inappellabili impartiti di persona, spesso in pieno contrasto con quanto suggerito dai suoi generali, era abitudine comune del dittatore nazista, sicuro con ottime ragioni che l’orgogliosa casta dei militari gli avrebbe umilmente obbedito. Il caso della mancata distruzione del Ponte Vecchio potrebbe essere uno dei tanti in cui il Führer ha fatto prevalere l’impulso del momento sul parere dei suoi militari. Ma, ripeto, per quanto ne so, prove a sostegno di questa ipotesi non ve ne sono.
Se anche fosse così, comunque, questo singolo episodio non varrebbe certo a diminuire la responsabilità storica della Germania nazista né quella, pesantissima, del suo capo supremo. Del resto, quale fosse la pretesa sensibilità artistica di Hitler è dimostrato dagli ordini impartiti alle armate che assediavano Leningrado, città di enorme valore culturale e vero patrimonio dell’umanità: se i nazisti fossero riusciti ad occuparla, l’avrebbero semplicemente cancellata dalla faccia della terra.
Su questo e su analoghi episodi non vi può essere dubbio: la documentazione esiste, inequivocabile.
Che poi non siano stati i soli Tedeschi a portare a termine distruzioni selvagge è altrettanto vero e provato: la distruzione dell'abbazia di Montecassino poteva avere una giustificazione sul piano militare, quella di Dresden nel febbraio 1945,
che per numero di vittime ed entità delle distruzioni rimane a tutt’oggi, e si spera per sempre, la più grande mai compiuta nella storia dei conflitti umani, costituì un niente altro che un atto di feroce vendetta,
Torneremo a più lieti argomenti la prossima volta.
Cordiali saluti da
Paolo
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:37 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com