I NUOVI TRAM DI PADOVA

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: 1, 2, [3], 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, ..., 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25
Krokodil
00Monday, January 9, 2006 10:01 PM
Su un foprum francese ho trovato un video di un Translohr di, Padova sulla pista di prova del costrutture. In realtà ho problemi a vederlo, ditemi voi se funziona:

homepage.mac.com/blefebvre/iMovieTheater127.html
BLINKY73
00Monday, January 9, 2006 10:34 PM

Funziona, funziona...con Quick Time Player.
Interessante l'accelerazione del tram nel filmato di Caen, che però non è un Translohr!
MarioAllegheny
00Wednesday, January 11, 2006 7:03 PM
TVR di Caen
Infatti a Caen c'è il TVR Bombardier (in un post precedente ho scritto x errore il Translohr). Provato nell'estate 2004 andava benissimo e saliva su certe strade che il tram non c'è la faceva. Confort e silenziosità ottima. Peccato che una parte del parco(ci sono 2 linee che corrono x un lungo tratto in comune)sono ferme accantonate. I frequenze nelle ore di punta x ogni linea erano di 13 minuti.
filobustiere
00Wednesday, January 11, 2006 7:41 PM
Caen
Nel TdS del 7 Agosto 2004, c'è un articoletto con foto su Caen. A chi interessa.....
BLINKY73
00Wednesday, January 11, 2006 10:56 PM

Grazie, Filobustiere...forse le avevo anche già viste, ma Mondotram si sta espandendo abbastanza e all'interno ci si comincia un pò a "perdere"!

Tornando al Translohr di Padova, il 2006 dovrebbe dunque essere l'anno della verità, riusciremo a vederlo in servizio regolare?
Io ogni tanto mi riguardo le foto dei binari, i filmati francesi, cerco di essere ottimista circa la bontà di questo nuovo tipo di veicoli, ma le perplessità rimangono.
Aspettiamo, e speriamo bene...!

[SM=x346219]
Krokodil
00Wednesday, January 11, 2006 11:49 PM
Quest'anno dovrebbe aprire anche Clermont Ferrand. Chi avrà l'onore (?) di avere il primo Translohr in servizio regolare?
axe81t1
00Thursday, January 12, 2006 12:03 AM
Aprirà prima Clermont Ferrand !
Krokodil
00Thursday, January 12, 2006 9:01 AM
Molto probabile, con i tempi italici.
fferrab
00Wednesday, January 18, 2006 12:37 PM
I lavori procedono
Ieri, sotto la neve, sono passato in zona Guizza e i lavori procedono.
La guida centrale è posata e anche la catenaria è stata posata, tra l'altro utilizzando i pali Scac e gli attacchi sui palazzi della vecchia rete filoviaria!

Proseguono poi i lavori per il deposito posto presso il capolinea della Guizza.
In questa zona la linea, dopo il ponte del Bassanello, attraversa prima una zona residenziale ove le vie guidate nelle due direzioni percorrono strade differenti per poi riunirsi percorrendo una bella (e trafficatissima) stada tra due file di platani e un po' di campagna prima di arrivare al capolinea.

Sarà anche un ibrido fra tram, bus, filobus ecc. ma non vedo l'ora che entri in funzione per poterci scaricare qualche rullino di foto!
Finalmente anche in Veneto tornerà un trasporto urbano elettrico!
Sapete quanto frustrante possa essere per un appassionato non avere nulla nel raggio di 150 km!!

Vi tengo aggiornati.
Ciao
F
axe81t1
00Wednesday, January 18, 2006 1:05 PM
Come mai ?


Non capisco perchè da noi ci devono essere sempre intoppi..
axe81t1
00Wednesday, January 18, 2006 1:07 PM
Scusate , ho sbagliato a postare il messaggio precedente.
kaonashi
00Tuesday, January 31, 2006 11:33 PM
Ci sono passato domenica alla stazione di Padova ed ho visto dei lavori stradali che interessavano la sede "tranviaria". Confermo l'impressione deludente [SM=x346233] , e non da l'impressione proprio di un'opera di imminente inaugurazione [SM=x346234]
fferrab
00Wednesday, February 1, 2006 2:38 PM
Inaugurazione imminente...
Beh, inaugurazione imminente mi sembra esagerato.
A dicembre mi hanno parlato di inizio delle prime prove ad aprile per iniziare il servizio commerciale a settembre per cui c'è ancora tempo.
Tieni conto poi che stanno costruendo il deposito alla Guizza per cui la piccola rimessa della Stazione non servirà più.

I lavori lungo la linea sono ormai per buona parte conclusi, stanno lavorando ancora in zona Riviere ma è poca cosa-

Ho anche notato che stanno proseguendo i lavori di costruzione della piattaforma per la via guidata all'Arcella, quindi al di là della stazione.
Non ho capito se effettivamente costruiranno un nuovo ponte per il Metrotram o se utilizzeranno quello stradale.

Manca solo una cosa: i mezzi!! Dove sono? E quando arriveranno?

Ciao
F
1707
00Monday, February 6, 2006 10:42 PM
La scorsa settimana, in Veneto per motivi di lavoro, una sera con i colleghi abbiamo fatto un giro a Padova. La mia attenzione è caduta ovviamente sui lavori della "tranvia" (scusate le virgolette, ma il tram vero è un'altra cosa). Devo dire che rispetto a quanto avevo visto ad aprile 2005 (ovvero 10 mesi fa!) non ho visto nessun avanzamento dei lavori in centro, anzi ... sul piazzale della stazione la linea era transennata ed erano stati asportati pezzi di binario, in Prato della Valle non c'è ancora traccia di linea aerea ... che tristezza!
Ciao, Renzo
fferrab
00Tuesday, February 7, 2006 10:10 AM
Padova: lavori in avanzamento
Ciao,
invece ritengo che i lavori siano avanzati molto rispetto a mesi fa.
Innanzitutto la via guidata è presente in tutto il percorso stazione-capolinea Guizza, si sta provvedendo a installare qualche scambio e a costruire le piattaforme rialzate presso alcune fermate. Vi sono poi altri cantieri sulle Riviere ma di poca entità.
Anche la catenaria è del tutto installata e in Prato della Valle non ci sarà catenaria perchè in quel tratto i mezzi proseguiranno a batteria.
Non so cosa stiano facendo di fronte alla stazione.
Proseguono poi i lavori per il deposito presso il capolinea sud ma penso dureranno ancora un po'.
Consiglio a chi viene a Padova di percorre il tratto della Guizza. Il percorso direzione capolinea passa prima in mezzo alle case lungo una stratta starda con muretto in mattoni e chiesa (molto pittoresco) per poi percorrere una (molto trafficata) strada tra platani e campi fino al capoinea.

Ciao
F
stefano05
00Tuesday, February 7, 2006 10:31 AM
Domanda
Ma ora a Padova ci sono dei Translohr fermi in deposito ?
O sono tutti a Strasburgo in attesa di essere spediti ?
Nel primo caso, sarebbe bello che qualcuno andasse a "documentare"...
kaonashi
00Tuesday, February 7, 2006 9:03 PM
a batteria nel Pra??? Ma sarà ben collaudato come sistema che per fare muovere un convoglio tipo il translohr ce ne vuole di carica mi sa [SM=x346244] ...speriamo bene [SM=x346234]
fferrab
00Wednesday, February 8, 2006 2:36 PM
Mezzi a Padova
Ad oggi a Padova non esiste un deposito per i mezzi, come detto varie volte (ma forse i miei precedenti post non sono stati letti con attenzione) è ancora in costruzione in zona Guizza.

Vi è un piccolo deposito in zona Stazione (presso l'area ex-Guidovie, per intenderci) costruito in via temporanea in occasione dell'arrivo del primo mezzo e dei test (elettorali) di un paio d'anni fa.
Tale rimessa ha spazio per soli due mezzi e ad oggi ve ne è solo uno utilizzato anche recentemente per prove.

Gli altri dovrebbero essere tutti in Francia ma le notizie sono poche e fremmentarie.

Riguardo l'uso delle batterie in zona Prato, queste dovrebbero essere usate per circa 1 km (quindi non una distanza abissale) e penso i mezzi siano collaudati perchè questo era un esplicito requisito richiesto da APS alla Lohr.

Ciao
F
stefano05
00Wednesday, February 8, 2006 4:46 PM
*
Fferrab ho letto con attenzione i tuoi post perchè l'argomento mi interessa molto.
Parlavo infatti del piccolo deposito in zona Stazione.
Sarebbe bello andare a fare qualche fotina...

Riguardo le batterie, il Translohr ha delle batterie Saft da 576 Volts di tipo Ni-MH con capacità 40Ah.
Hanno più o meno l'autonomia per circa 1Km di percorso. Bisogna tenere presente anche che la ricarica delle batterie avviene durante il contatto con la linea aerea, ma anche in fase di frenata viene recuperata un po' di energia utile.
kaonashi
00Wednesday, February 8, 2006 8:29 PM
mah..speriamo bene e in fin dei conti non credo che il Prà avrebbe risentito troppo dal punto di vista estetico della presenza della rete aerea tradizionale data la sua vastità [SM=x346234] e poi se ci sono incagli di t [SM=x346235] raffico in periodo di bancarelle?
Daniele2595
00Wednesday, February 8, 2006 9:37 PM
Ciao a tutti!
Sul numero di febbraio della rivista britannica "Tramways & urban transit", si dà notizia che il Translohr di Padova dovrebbe essere inaugurato tra settembre e ottobre 2006.
Per quanto riguarda la trazione sul tratto senza linea aerea, di cui viene specificata la lunghezza (675 m), le batterie di accumulatori montate sui tram verranno fornite dalla azienda canadese SAFT.

Daniele
Cori x
00Monday, April 3, 2006 8:25 PM
buonasera a tutti...dopo mesi da spione del vostro bel forum mi sono deciso di iscrivermi con tutti i crismi,finalmente un posto dove parlar di mezzi pubblici senza stressare le persone per una passione che dura da bambino mai assopita

stando al thread,in questi giorni il tram dei playmobil alias il translohr sta eseguendo le prove notturne per testare i famosi 5000 km di certificazione del mezzo. Stranamente quel mezzo è praticamente ad uso quasi personale degli amministratori locali che gaudenti provano il mezzo in esclusiva.

Condiderazioni personali:

Esteticamente il mezzo è valido all'esterno,peccato che la gomma nel sotto cassa si veda ad occhio nudo persino di notte.Internamente le condiderazioni le avevo gia fatte nel mio pre-post di un mese fa e lo riconfermo....anche di notte sembra un modellino viaggiante.Son sicuro di una cosa,e cioè che ha una ripresa eccellente,e corre piu veloce dei normali bus.

Quando sarà in esercizio vi saprò dir meglio

Non so come allegare la mia foto dal cellulare di quella sera se qualcuno puo darmi una mano...
XJ6
00Tuesday, April 4, 2006 12:41 AM
La foto sul cellulare
Ancora benvenuto a Cori. Per la foto, bisogna prima scaricarla sul computer (immagino che ci sia un cavo e del software per completare questa operazione), e poi fare riferimento all'apposita discussione sulle immagini all'interno della sezione "uso del forum";

Roberto Amori
00Tuesday, April 4, 2006 1:02 AM
Bluetooth

Il miglior modo per fare comunicare cellulari e computers è il Bluetooth: una chiavetta USB che sta sempre dietro al PC permette al cellulare di scaricare velocemente al computer foto e filmati così come di acquisirne altri in senso inverso. Recentemente ne ho comprata una per poco più di 20 Euro che permette comunicazioni fino a 50 metri di distanza
stefano05
00Tuesday, April 4, 2006 9:42 AM
*
Ecco qualche foto in notturna.
transclermont.itrams.net/media/tram/model.html

Aspetto con ansia le foto del Playmobil, Cori. :-)
Ciao
Augusto1
00Tuesday, April 4, 2006 9:57 AM
per Cori
In caso di mancanza di accessori (è anche il mio caso) faccio di necessità virtù (tipicamente napoletana): spedisco un MMS al mio indirizzo e-mail e poi lo scarico sul computer.
Flavio Menolotto
00Monday, May 1, 2006 11:31 PM
megatrolleybus vs tram su gomma
Mi permetto di girare in questa sezione quanto detto nella sezione filobus.

Si tratta di un confronto tra i recenti filobus snodati a 3 casse a doppia articolazione da 24 m, detti megatrolleybus o megafilobus (io preferisco definirli maxifilobus) ed il tram su gomma.

Dopo una lunga sperimentazione a Ginevra su un filosnodato da 18 m Naw/Hess/Siemens a cui si è aggiunto l'elemento centrale, sono in consegna 10 maxifilobus da 24 m da 190 posti sulla frequentata linea 10, esercitata con filosnodati da 18 m.

Il carico di passeggeri su tale linea impone nelle ore di punta corse molto frequenti, ma la trasformazione in tramvia presupponeva costi notevoli, sia per la realizzazione che per l'esercizio.
L'idea dell'aggiunta di un'elemento centrale porta il maxifilobus quasi alla stessa portata di un tram articolato da 200 posti.

Il maxifilobus, denominato (un po’ impropriamente) “Light Tram” non ha bisogno del costoso binario ma solo della linea aerea bifilare.

E' da vedersi come un sostituto del tram per capacità di trasporto da 1500 persone/ora per senso di marcia, dove si è al limite con auto o filosnodati, fino a 3000-3500 passeggeri/ora per senso marcia, ora appannaggio di linee tramviarie con tram da 200 posti.

Rispetto ad una tramvia classica i risparmi sono evidenti, per la realizzazione di una tramvia senza opere particolari tipo ponti, gallerie ecc. si parte da costi chilometrici di 5 mil. di €/km in su, mentre per linea aerea bifilare e cabine di alimentazione per i maxifilobus siamo su 1 mil. di €/km.

I costi di esercizio chilometrici sarebbero un pò superiori a quelli dei filosnodati e minori rispetto ai tram, ma il risparmio sui costi infrastrutturali è notevole.

Non solo, ma anche sui mezzi si avrebbe un bel risparmio, un maxifilobus costa 1 mil. di € contro 1,5 mil. di € di un tram da 200 posti.

Si consideri inoltre la maggior flessibilità del maxifilobus rispetto al tram che, grazie alla marcia autonoma, può aggirare eventuali ostacoli ed effettuare brevi deviazioni di percorso.

I risultati sono molto buoni, l’interesse per tale realizzazione ha convinto San Gallo a trasformare un filosnodato da 18 m in maxifilobus (con l’opzione per la trasformazione di altri mezzi).
Zurigo ha ordinato 17 maxifilobus: in un primo momento verranno impiegati sulla linea 31: se verrà trasformata in linea tramviaria fra qualche anno, i maxifilobus andranno sulla linea 32. Non solo, ma anche Lucerna ha ordinato 3 maxifilobus.

Il giudizio degli autisti ginevrini è complessivamente positivo, non vi sono in genere maggiori difficoltà di guida rispetto a nornali filosnodati.

Con ben 30 mezzi ordinati in breve tempo le valutazioni tecnico-economiche delle aziende di TPL delle città interessate sono state particolarmente positive.

Grazie ad una burocrazia svizzera che non ha è contro sperimentazioni ed innovazioni, si è andati oltre la norma della lunghezza massima dei 18 m.
Con la doppia articolazione tali mezzi possono inscriversi nella corona circolare con raggio interno di 5,5 m e quello esterno di 12,5 m, come richiesto dalle prove di omologazione europee.

Certamente molte città europee di medie e grandi dimensioni potrebbero essere interessate a tale tipo di sistema: infatti l’attenzione per tali mezzi si sta estendendo oltreconfine, con l’interesse di città come Eindhoven, Aachen, Amburgo ed Utrecht ma anche oltreoceano, come Curitiba.

A chi obietta che non potrebbero circolare nei paesi CE si noti che vi sono già delle eccezioni, come gli autobus gran turismo a cassa unica da 15 m: in teoria sono fuori norma, visto che la lunghezza massima ammessa sarebbe di 12 m, ma ottemperano alla norma di inscrivibilità. Esistono anche filobus, ad esempio il Trollino da 15 m.

Ritornando al maxifilobus ritengo che, se non verrà ostacolato dalla burocrazia, potrebbe fare una bella concorrenza ai tram su gomma, dove gli sbandierati minori costi per la realizzazione della sede sono stati ridimensionati, oltre ai dubbi tecnico-economici di tale tecnologia.

I tram su gomma hanno costi infrastrutturali minori del 25 %, quindi si partirebbe dai 3,5-4 mil. di €/km: per rimanere in Italia a Padova verranno impiegati dei Tranlohr a 2 casse da 180 posti, ma con che costi?

In molti tratti si è posata una piattaforma in cemento a supporto della rotaia e delle piste di rotolamento pneumatici: non penso che qui il costo dell'infrastruttura sia tanto diverso da quello della Tramvia di Messina, anch'essa su una piattaforma.

A favore del maxifilobus vi è una tecnologia matura ed affidabile e una scelta tra svariati costruttori, a differenza del tram su gomma, dove ci si deve rivolgere sempre al costruttore, anche per la manutenzione.

A svantaggio del maxifilobus si può ammettere che il sistema non è espandibile, ma in molte realtà di città di medie dimensioni, con richieste di trasporto non elevate, il tram non sarebbe giustificabile, ma potrebbe essere introdotto il maxifilobus, un sistema elettrificato di trasporto.

Cordiali saluti da Flavio Menolotto - Invorio
Cori x
00Tuesday, May 2, 2006 2:49 AM
Re: megatrolleybus vs tram su gomma
Scusa ma cosa c'entra un mega trolleybus svizzero col playmotram di padova?

1)A padova le casse saranno tre dopo un vano tentativo di avere un quarto modulo

2)Il costo non è affatto inferiore ad un tram tradizionale specie in città medie con un recente passato acqueo come padova dove la tombinatura ha portato alla creazione di sottoservizi stradali impononenti e toccarne uno solo comporterebbe alla risistemazione del tutto.

Un megatrolleybus anche se modificassero il codice della strada obbiettivamente incontrerebbe mille problemi. Scomodissimo in strade strette medievali (penso a padova e bolongna) ingestibile per un autista che dopo 1 mese al volante gli toccherebbe minimo una visita ortottica.

Le considerazioni di autisti elvetici non fanno testo in quanto tutto quel materiale è utilizzato su strade belle larghe,usufruito da gente piu senso civico, e gestito con persone che il codice loro della strada lo osservano scrupolsamente per paura di sanzioni (sia autisti di bus che di veicoli privati)

Detto cio chi se lo vede un megatrolley per napoli? O roma? A parte che dopo un mese verrà sfasciato dietro,quanti motorini ci si appiccicherano sempre sul terzo modulo?

Qui si fanno i conti senza l'oste mi sa....

acidamente saluto tutti

Krokodil
00Tuesday, May 2, 2006 8:25 AM
Non conosco bene Ginevra, ma nella pubblicità del costruttore si cita la linea 10 di quella città, appunto con strade relativamente strette. Certo, non è un Alé...
RomaTram
00Tuesday, May 2, 2006 10:07 AM
Il problema fondamentale italico è una burocrazia che emtte 10mila paletti nonchè l'ignoranza dei politici che speriementano a cappero pur di apparire e non valutano il rapporto costi/benefici. Punto e basta. Qui molti non hanno capito ch a Padova volutamente si è scelto di non avere il tram, e si è dovuti ripiegare sul Translohr per non perdere soldi stanziati e non fare la figura dei polli.Ilproblema è che coerenza avrebbe voluto che una volta scelto in translohr si impegnassero a portare avanti celeremente il progetto...perchè la cosa primaria è avere un sistema di trasporto ecologico ed efficente....E si potrebbe ben dire che oltre 100 anni fa erano in motli a credere che il tram elettrico non avrebbe mai avuto successo....
Se poi vogliam parlare di stranezze trasportitiche, il famoso mega filobus esiste anche in versione bus, si chiama Phileas, è prodotto dalla APTS e presta (forse) servizio ad Eindhoven...un mega bus a tre casse
provate a vedere qui www.apts-phileas.com
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:07 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com