Biella-Oropa

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: 1, 2, 3, [4]
feb13
00Wednesday, April 9, 2014 7:17 PM
PASSEGGIATA SULLA FERROVIA BIELLA-BALMA - VALLE CERVO.
Associazione FerroviaBiellaOropa, Comitato dei genitori Pralungo ed Associazione Culturale Gaia-Biella vi invitano alla passeggiata sulla Ferrovia Biella-Balma da Tollegno a Sagliano Micca, Domenica 13 Aprile 2014.

Il ritrovo è fissato per le ore 8.45 presso la ex stazione di Tollegno al Villaggio Filatura con possibilità di parcheggio.

Durante la passeggiata i biologi, naturalisti, forestali dell'Ass.ne Gaia daranno spiegazioni sulla natura circostante ed i volontari dell'Ass.ne FerroviaBiellaOropa racconteranno la storia della ferrovia della Valle del Cervo.


Pranzo al sacco presso il campo sportivo di Sagliano Micca.

Giochi ed attività ricreative per i bambini a cura del Comitato Genitori e dell'Ass.ne Gaia, con gustosa sorpresa finale!

Al rientro, per le persone interessate, servizio navetta Sagliano-Tollegno con il pulmino dell'Ass.ne Gaia.

Rientro verso Tollegno con visita guidata all'ex Lanificio Botto di Miagliano (già ex Cotonificio Poma) ed alla mostra "Wools of Europe, La passione per la Lana - Passion for Wool", a cura del Comitato Amici della Lana-Miagliano.

Gli organizzatori declinano ogni responsabilità per eventuali danni a cose, persone o animali durante la passeggiata.
In caso di maltempo si rimanderà a data da destinarsi.

PRENOTAZIONI e INFORMAZIONI: 349.33.13.025.

PARTECIPATE NUMEROSI!!!



www.facebook.com/events/458650650932360/?source=3&source_newsfeed_story_type...
liquidatore
00Thursday, April 10, 2014 9:57 AM
Che tristezza ce si finisca a passeggiare su di una ex linea ferroviaria!
xclaudiox
00Thursday, April 10, 2014 10:29 AM
Giusto; qualche anno fa, scoprii questa linea, ero andato al Santuario e lì vidi nel mezzo del prato quel meraviglioso tranvetto, mi interessò tanto, che ritornando in casa volli approfondire la storia di questa linea. Peccato che non c'è più, sarebbe stata un'attrazione turistica. [SM=x346222]
liquidatore
00Thursday, April 10, 2014 10:50 AM
Caro Claudio, sarebbero tantissime le line ferroviarie che potrebbero avere un forte interesse turistico...
trammue
00Thursday, April 10, 2014 1:12 PM
senti, una nazione che ha soppresso il gioiellino della val gardena, poi in un periodo in cui l'italia andava a gonfie vele e quindi non c'era la scusa della spending revue, sai cosa si merita?
si merita il monumento a manuela arcuri..........
Censin49
00Thursday, April 10, 2014 5:39 PM
senti, una nazione che ha soppresso il gioiellino della val gardena, poi in un periodo in cui l'italia andava a gonfie vele e quindi non c'era la scusa della spending revue, sai cosa si merita?
si merita il monumento a manuela arcuri..........

@ trammue - Chi non ha vissuto gli anni del c.d. "boom economico" (gli anni, in cui in definitiva, venne "giubilata" la maggior parte dei trenini) non può immaginare quanto i trasporti su gomma,specie individuali, allora, venissero incensati e osannati: L'Italia era il paese delle autostrade (un cronista britannico definì acremente l'Italia "un paese povero, ricco di autostrade"),e superstrade, destinate a soppiantare prima o poi i trasporti su ferro...quello, piaccia o no, era il clima di allora (anni 50 e 60), prima che arrivasse la "nasata" della crisi petrolifera.
feb13
00Thursday, April 10, 2014 7:19 PM
Per quanto riguarda le ferrovie a scartamento ridotto biellesi posso dirvi che alcune ad oggi, così come erano state concepite, non avrebbero molto senso di esistere.
La ferrovia Biella-Balma ad esempio, risaliva la Valle Cervo solo fino a Balma, frazione del paese di Quittengo e con pochissime case. Qui vi erano solo delle importanti cave di sienite.
Dalla stazione partivano le corriere che salivano sino a Piedicavallo, ultimo paese della vallata.
Anche alcune stazioni erano decentrate: Tollegno, ad uso e consumo delle fabbriche del Villaggio Filatura e posta nella parte bassa (molto bassa...) del paese, Miagliano che era dalla parte opposta della vallata rispetto al paese, raccordata con la fabbrica ma non vi erano praticamente case nei dintorni.
Andorno e Sagliano invece erano poste abbastanza in centro.
Nel 1946 fu anche studiata la possibilità di prolungare la linea fino a Piedicavallo ma non se ne fece nulla.

La Biella-Cossato-Vallemosso invece, opportunamente ammodernata, oggi avrebbe potuto essere una sorta di metropolitana, soprattutto fra Biella e Cossato.
Tra Cossato e Vallemosso, l'unica stazione che avrebbe ancora un certo movimento passeggeri potrebbe essere Lessona, ma si trova a ridosso delle fabbriche e distante dal paese.
Le stazioni di Crosa, Strona e Valle S.Nicolao invece erano assai decentrate.

La diramazione Cossato-Masserano era nata come parte della linea Cossato-Gattinara mai realizzata.
Anche in questo caso come per la Balma non so quanto sarebbe stata economicamente valida ad oggi.

Le tramvie Biella-Mongrando e Biella-Borriana se mantenute e ammodernate, oggi potrebbero essere assimilate ad una sorta di metrotramvia con lunghe tratte in sede propria o riservata e solo nel centro di Biella in sede stradale.
Buono anche il flusso di passeggeri a mio avviso, dato che in ambito urbano ci sarebbe potuto essere un collegamento Ovest-Est: Città Studi-Centro-Stazione FS-nuovo ospedale (con una breve diramazione dalla linea principale).

La Biella-Oropa, beh, sarebbe stata sicuramente l'unica a poter sopravvivere senza problemi...
feb13
00Thursday, April 10, 2014 7:19 PM
Detto questo... se qualcuno di voi fosse interessato a partecipare alla passeggiata sulla Biella-Balma è ovviamente il benvenuto!!!!
Censin49
00Friday, April 11, 2014 5:40 PM
senti, una nazione che ha soppresso il gioiellino della val gardena, poi in un periodo in cui l'italia andava a gonfie vele e quindi non c'era la scusa della spending revue, sai cosa si merita?
si merita il monumento a manuela arcuri..........

@trammue - Le difficoltà finanziarie c'entrano ben poco, o sono un pretesto; tant'è che un paese economicamente disastrato come la Grecia continua a mantenere in attività l'"Odontodos", il trenino a cremagliera che nel Peloponneso collega Kalavrita a Diakoftò, che non si è mai sognata di sopprimere nemmeno nei momenti più bui del dissesto; in fondo, è anche un'attrazione turistica per chi visita la zona, oltre le antichità!
Censin49
00Monday, June 8, 2015 5:10 PM
Ieri 7/6/2015, presso il deposito torinese di Sassi della cremagliera di Superga, si è svolto l'annuale "festival" dei tram storici; era presente anche una delegazione della Biella - Oropa che, oltre a diverse foto d'epoca, ha portato anche alcuni "figurini" del materiale rotabile usato a suo tempo sulla tranvia. Lo ripropongo


[IMG]http://i57.tinypic.com/esnd6s.jpg[/IMG]


[IMG]http://i57.tinypic.com/2vumtdf.jpg[/IMG]




[IMG]http://i59.tinypic.com/6jiv4x.jpg[/IMG]

dai figurini, si nota come la coloritura originaria del materiale, di fine anni 20, fosse celeste chiara; variata nel dopoguerra, per uniformarla al castano vigente per tutto il materiale rotabile ferrotranviario intercomunale. Così erano quando vi saliì a bordo nell'estate del 1956 per il mio ultimo viaggio a bordo del "trenino".
Viaggio in cui tra l'altro il bigliettaio, quando mio padre fece il biglietto, diede come resto una delle prime monete metalliche da 100 lire (fino ad allora le 50 e 100 lire erano solamente cartacee; le monete entrarono allora in circolazione).
Era anche esposto un plastico riproducente il viadotto dei Tre Archi, con convoglio in transito

[IMG]http://i61.tinypic.com/309mt6w.jpg[/IMG]
Censin49
00Tuesday, June 9, 2015 5:14 PM
Avendo ritrovato una vecchia pubblicazione sulla tranvia (è del 1996), con molte foto d'epoca, ne ripropongo alcune, sperando siano gradite

[IMG]http://i61.tinypic.com/i5d5b9.jpg[/IMG]

[IMG]http://i57.tinypic.com/1zzgjv6.jpg[/IMG]

[IMG]http://i62.tinypic.com/15q9lb7.jpg[/IMG]

[IMG]http://i62.tinypic.com/i77knm.jpg[/IMG]

[IMG]http://i60.tinypic.com/2nio6.jpg[/IMG]

[IMG]http://i61.tinypic.com/qsl5xs.jpg[/IMG]

[IMG]http://i58.tinypic.com/33ynd3t.jpg[/IMG]

[IMG]http://i59.tinypic.com/k3u0wg.jpg[/IMG]

[IMG]http://i61.tinypic.com/2uqis89.jpg[/IMG]

[IMG]http://i57.tinypic.com/so8x2w.jpg[/IMG]

e due orari della linea, uno del 1950 e uno del 1956

[IMG]http://i58.tinypic.com/350s09x.jpg[/IMG]

[IMG]http://i62.tinypic.com/296f9dy.jpg[/IMG]

ognuno può rendersi conto dei tempi di percorrenza della tranvia, e confrontarli con quelli dell'attuale autolinea ATAP.
feb13
00Thursday, August 20, 2015 3:38 PM
Grazie Censin49 per il reportage fotografico che ci hai fatto non lo avevo ancora visto!
Magari ci siamo anche parlati quel giorno, a seguire la mostra cero io!
perseo66
00Wednesday, March 8, 2017 3:10 AM
Salve a tutti.intervengo qui per avere informazioni a riguardo di questa linea ferroviaria.
sto scrivendo un libro sugli orologi ferroviari e mi sono imbattuto in questo orologio con questa sigla sul fondello .io da neofita l'ho ricondotta a Biella-Oropa chiedo a voi esperti di questa linea se è compatibile il simbolo con questa linea ferroviaria .avete mai visto questa sigla? oppure sapete di orologi appartenuti alle tramvie? vi ringrazio per la risposta.
feb13
00Friday, March 10, 2017 6:59 PM
Salve perseo66
Non vedo alcuna immagine dell'orologio in questione...
Non so dirle se il personale viaggiante della tramvia avesse in dotazione orologi (ma suppongo di si).
In ogni caso, le sigle potevano essere due: S.A.B.O.T.E. (Soc. An. Biella Oropa per Trazione Elettrica) o T.B.O. (Travia Biella-Oropa).
perseo66
00Friday, March 10, 2017 9:39 PM
perseo66
00Friday, March 10, 2017 9:45 PM
ecco la foto le lettere sono B O ho visto una similitudine su un vostro fazzoletto di colore azzurro...
feb13
00Sunday, March 12, 2017 9:56 AM
Ma a vedere così potrebbe anche essere. Però non so dare una risposta certa.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:38 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com