New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Facebook  

Tram ad Oslo

Last Update: 2/24/2018 9:46 AM
Author
Print | Email Notification    
3/8/2006 5:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
La città di Oslo, capitale della Norvegia, dispone di una estesa rete tranviaria e... di cartelli stadali molto interessanti!

Vi riporto di seguito i nomi delle vie di Oslo, residenze-sogno di ogni appassionato:

Strada del tram


Via del binario


Vicolo del tram (trikke è un termine solo norvegese per indicare i tram)



Chi non vorrebbe abitare in una di quelle strade!!! (Su ciascun nome ho inserito un link ad una cartina della Michelin che indica il punto esatto dove sono localizzate tali vie!) [SM=x346227]


Dalla Scandinavia!
Luca
TW vs WOWAnkie & Friends - L&#...58 pt.10/15/2019 6:00 PM by anklelock89
MatrimonioTestimoni di Geova Online...45 pt.10/15/2019 7:06 PM by barnabino
Marzia RoncacciTELEGIORNALISTE FANS FORU...37 pt.10/15/2019 11:43 AM by docangelo
3/8/2006 9:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 688
Registered in: 1/31/2006
tranviere senior
Ciao Luca!
Che nomi suggestivi.......e pensare che solo pochissimi anni fa la rete di Oslo corse il serio rischio di essere fortemente ridimensionata per motivi di riduzione dei costi!!!
Fortunatamente, il Comune comprese che il gioco non valeva la candela e tornò sui suoi passi, e le poche linee che avevano già subito riduzioni del servizio furono ripristinate.

Daniele
3/8/2006 9:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 269
Registered in: 2/24/2006
tranviere junior
... anche perché la popolazione locale si sdraiò sui binari per parecchi giorni consecutivi (vedi foto esposte al locale museo tranviario).

Ciao,
Gliz

[Modificato da XJ6 08/03/2006 22.49]

3/8/2006 11:47 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
Parco veicoli tranviarii di Oslo
Oslo ha un centinaio di tram, suddivisi in due serie distinte. La livrea è per tutti di un azzurro chiaro, lo scartamento 1435 mm.
La prima, della metà degli anni '80, è caratterizzata da vetture a due casse, senza pavimento ribassato:



L'ultima serie, più moderna, è stata costruita dall'Ansaldo ed è composta da vetture a tre casse dal pianale ribassato:



(entrambe le foto sono state tratte da Railfaneurope.net)

Il citato museo, il Vognhall 5 (http://www.sporveismuseet.org/) è un bellissimo museo sito nella vicina stazione della metro (T-Bane) di Majorstuen. E' stato realizzato all'interno di un capannone che faceva parte di un vecchio deposito dell'originaria azienda di trasporti AS Kristiania Elektriske Sporvei (la città assunse il nome di Oslo solo nel 1925). Quando si decise di demolire il deposito, questo capannone (il numero 5) fu salvato ed adibito a museo. Anche il raccordo alla rete tranviaria, dopo un primo taglio, fu ripristinato ed oggi viene regolarmente usato per far uscire alcune vetture dal deposito per giri turistici.



Il sistema tranviario di Oslo è eccellente e molto ramificato (sebbene la città sia piccola). Nota curiosa: Oslo è forse una delle poche città scandinave dove è esercitata la professione del controllore (non solo da uomini ma anche donne ed anziani!) in quanto il manovratore non ha il compito di controllare il biglietto ai passeggeri.
L'unica cosa negativa è (per chi viene dal sud ed è abituato ad altri ritmi di vita) l'orario di servizio. Dopo le 18 inizia quello che si può definire "orario serale" e dopo le 20 molte linee cessano di viaggiare. Se d'inverno questo può essere logico (quando verso le 14 si assiste al tramonto), meno lo è in estate quando il sole è alle 22 ancora alto nel cielo!

Luca

[Modificato da Lucajuventino 09/03/2006 0.43]

3/11/2006 3:30 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 2,843
Registered in: 5/9/2004
tranviere veterano
La bella Oslo

Ho un ricordo molto bello di Oslo: una città interessante molto accogliente, civile e abitata da persone gentili. Ricordo come la fase giorno\notte fosse del tutto ribaltata per noi mediterranei: la sera arrivava il tramonto un po' prima delle 23,00 mentre l'alba invece sorgeva attorno alle 3,00 di mattina...insomma la notte durava si e no 4 ore!





Oltre ai tram della rete ordinaria mi colpì questa bella vettura a carrelli dei primi anni anni '50 dal robusto design tipicamente nordico. Era dotata addirittura di tre fanali e da poco tempo era stata dismessa dal servizio, acquistata da un ristorante del centro era divenuta saletta per le serate più fredde: messa vicina alle rotaie tante volte percorse fino a poco tempo prima si era salvata così dalla fiamma ossidrica.






Lo stesso tram, la vettura 176, è stata ripresa più volte prima della dismissione dall'appassionato scandinavo Rolfnielsen.
3/11/2006 11:51 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 25,472
Registered in: 2/5/2004
maestro tranviere
per Roberto
Simpatica idea quella di acquisire un tram (tra l'altro dall'accattivante linea) e di utilizzarlo come locale pubblico, e poi addirittura a pantografo alzato, mentre quando accade qualcosa del genere in Italia i tram spesso vengono ceduti senza banco di manovra, senza trolley e senza carrelli... Devo dire che, guardando le seconde due immagini viene una certa sensazione di...freddo e di lontananza, acuite dal triplo fanale di tipo assolutamente retrò.

1Poggioreale Cimit. Staz.Centr. v. Marina
P. Vittoria Mergellina Fuorigrotta Bagnoli
3/11/2006 3:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
Gullfisk


Il mezzo fotografato da Roberto è un tram modello E, costruito alla fine degli anni '30, dal curioso soprannome: gullfisk (che per chi non conosce il norvegese, significa "pesce rosso").
Di queste vetture, prodotte in 20 esemplari, una è ancora conservata nel museo tranviario di Oslo (la 170 cui si riferisce la foto).
Tra tutte le vetture di Oslo, questo modello è quello più amato. Nella foto di Roberto si vede il curioso retro di questo tram, nella cui parte inferiore veniva posizionato, d'inverno, una cassetta dove riporre gli sci (il segno rettangolare lasciato dalla cassetta è visibile nell'immagine di Rolfnielsen)!
Gli ultimi esemplari hanno prestato servizio fino alla metà degli anni '80 prima di essere ritirati e trasferiti in vari musei.
I mezzi 170, 196 e 199 sono rimasti all'associazione locale dei tram storici (il 170 è esposto nel museo, gli altri sono usati per giri turistici).
Il mezzo 185 è diventato il mezzo di servizio numero 268 a Nordingå in Svezia, mentre invece la vettura 198 si trova oggi a Kochi in Giappone.


L'ex 185 ora 268 a Nordingå.


Luca
3/11/2006 9:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 1,238
Registered in: 2/7/2004
tranviere veterano
Tram norvegesi
Grazie a Luca x i cenni ai tram di Oslo e alla sua divertente toponomastica! Le vetture della vecchia serie erano davvero simpatiche, con quel musetto e soprattutto la parte posteriore assolutamente originale. Molto belle le foto postate da Roberto che le riprendevano ancora in servizio; mi trasmettono una certa malinconia anche se non sono mai stato in Norvegia; se mi capiterà di andarci farò di tutto x vederle al museo e magari fare anche il giro turistico!

Mauro
T.J. Team
3/11/2006 10:16 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 688
Registered in: 1/31/2006
tranviere senior
Davvero belle queste vetture serie E! Trovo che la coda sia molto originale, per un tram, ma allo steso tempo molto in linea con lo stile degli Anni'30; mi richiama alla mente il posteriore della Lancia Aprilia e del Maggiolino Volkswagen, entrembe auto risalenti a quel periodo.

Daniele
3/12/2006 2:53 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 2,843
Registered in: 5/9/2004
tranviere veterano
A trick of the tail

Visto che l'inconfondibile retro dei tram E, come racconta Luca, ha colpito un po' tutti propongo un'altra immagine adeguata:



Notavo guardando le foto di allora che il tram poggia realmente su rotaie che, pur senza linea aerea di contatto, sono raccordate alla rete ordinaria.
Incredibile pensare che questi siano tram di 70 anni e passa...
3/13/2006 1:43 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
La rete tranviaria


L'immagine qui sopra rappresenta l'attuale estensione della rete di Oslo. Il museo tranviario si trova in prossimità di Majorstuen (cliccando sull'immagine si ingrandisce la cartina).
A differenza di quanto si possa credere, appena si esce dalla zona centrale che si affaccia sul mare del Nord, la città si sviluppa su diverse alture perfettamente servite dalle linee tranviarie. Da notare che ciascun capolinea è servito da almeno due linee (tranne Jar) che si diramano in differenti direzioni, creando una rete che ricorda un po' quella di Torino ante riforma '82. Il vantaggio di tale sistema è che partendo dal centro e volendo andare in periferia (o il contrario) il tempo di attesa è molto ridotto, circa la metà di quello necessario se si desidera invece attendere un tram che permetta di attraversare nord-sud o est-ovest la città (comunque si parla sempre di tempi di attesa bassi, cioè tra i 5 ed i 15 minuti!).
I percorsi più suggestivi sono quelli delle linee 18-19 in direzione Ljabru e del 11-12 verso Kjelsås. La zona di Majorstuen è invece quella con i tracciati tranviari più antichi.

Luca

3/13/2006 4:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 269
Registered in: 2/24/2006
tranviere junior
Re: Gullfisk

costruito alla fine degli anni '30, dal curioso soprannome: gullfisk (che per chi non conosce il norvegese, significa "pesce rosso").

Luca



Letteralmente "pesce dorato".
3/13/2006 7:55 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
Re: Gullfisk
"Gullfisk" = "Pesce dorato" è la migliore traduzione per il nome scientifico "Carassius auratus"... ma in italiano il termine indica il pesce rosso (sebbene l'"auratus" del latino indicherebbe più una tonalità dorata piuttosto che rossa... mah).
Tradurre gullfisk come pesce dorato sarebbe tanto corretto quanto tradurre Kindergarten come "giardino dei bambini" (invece di "asilo") [SM=x346225]

Grazie comunque per la precisazione [SM=x346220]

Ma guardiamolo ancora questo pesce dorato [SM=x346239]



Questa è proprio la vettura 176 (quella modificata e trasformata in dehors) a Nobelsgate nel 1969.



In questa foto (del museo dei tram di Oslo), la 201 sosta a Jar fuori servizio (Avløs) nei primi anni '80.
La carrozzeria dei Gullsifk era composta da una struttura in alluminio prodotta dalla stessa società del trasporto pubblico di Oslo. I sei prototipi (nr. 158-163) furono consegnati nel 1937, mentre i restanti (nr. 184-203) due anni dopo.

Luca

[Modificato da Lucajuventino 14/03/2006 12.31]

2/20/2011 5:35 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 1,928
Registered in: 4/3/2006
tranviere veterano
Oslo 1977 Parliamone:


Musetto anteriore della PCC serie 150.


Affascinantissimo posteriore delle stesse PCC,me ne sono innamorato.


Due carrelli e carrellino...

Il sito è sulla firma [SM=x346219]
3/12/2011 12:57 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 791
Registered in: 5/4/2004
tranviere senior
Molto interessante, ci sarebbe da farci una capatina. :-)

Giovanni Kaiblinger
3/13/2011 12:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 2,843
Registered in: 5/9/2004
tranviere veterano
Ci sono stato...
... nel 1989. Oslo è una bella città come tutta la Norvegia del resto. Brava gente, tutto molto pulito e in ordine, natura mozzafiato.



Nel 1989 una delle PCC era diventata veranda di un ristorante in una delle piazze principali del centro.
3/17/2011 8:26 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 791
Registered in: 5/4/2004
tranviere senior
Oslo.
C'era perchp non mi pare di averla vista in centro.
Comunque come dice Roberto, città molto bella, pulita e con un sistema di trasporti eccezionali.
Addirittura le linee tranviarie nei tratti periferici (che sono quasi tutti in sede propria, quasi una ferrovia) negli incroci stradali hanno i passaggi a livello!
Vabbè che il traffico di Oslo non è paragonabile al nostro (salvo la mattina dove ho potuto notare sulle arterie principali in entrata alla città belle file di autoveicoli), però è veramente a misura d'uomo.
Incredibile poi che gestiscano 6 linee tranviarie con appena 72 vetture (40 Duewag di fine anni '70 e 32 italiche Ansaldobreda di fine anni '90), sembrano molti di più vista anche le lunghezza di certe linee.

Giovanni Kaiblinger
3/18/2011 11:10 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 791
Registered in: 5/4/2004
tranviere senior
Foto Oslo 1
Tram Duewag 106 in arrivo alla fermata di Kastellet sulla linea 19 per Ljabru (15.03.2011):

Giovanni Kaiblinger
3/18/2011 11:13 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 791
Registered in: 5/4/2004
tranviere senior
Foto Oslo 2
Due tram Ansaldobreda SL95 in arrivo ed in partenza dall'anello di Holtet, capolinea della linea 18 (che in certe ore della giornata è prolungata fino a Ljabru) nonchè sede di un piccolo deposito tranviario (15.03.2011):

Giovanni Kaiblinger
3/18/2011 11:17 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 791
Registered in: 5/4/2004
tranviere senior
Foto Oslo 3
Tram Ansaldobreda 169 alla fermata di Jomfrubraten in direzione centro città:
[Edited by Giovanni Kaiblinger 3/18/2011 11:20 AM]

Giovanni Kaiblinger
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:43 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com