New Thread
Reply
 
Facebook  

Tram di celluloide (ovvero, tutte le volte del Tram al cinema, in Italia)

Last Update: 6/19/2019 2:35 PM
Author
Print | Email Notification    
9/21/2004 11:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
piccola segnalazione
A proposito del "corto" in TRE UOMINI E UNA GAMBA (e non solo), segnalo che il TRIO (Aldo, Giovanni e Giacomo) sembri avere un pallino, quasi una predilezione per il tram, negli sketch ambientati su mezzi mobili.
Nel 1996 (Mai Dire Gol), nello sketch degli "astronauti italiani", Giovanni (nel ruolo del pilota, col nome di Comandante Galbusera [SM=x346232]) si produceva nella mimica di chi guida un tram (con tanto di campanella) più che un'astronave.
A questo sketch prendevano parte, oltre ai 3, anche Marina Massironi, Bebo Storti e Francesco Paolantoni.
Azzurra L'isola nuda150 pt.8/20/2019 11:30 AM by actarus64
Coppa Italia - FIORENTINA VS MONZAblog191230 pt.8/19/2019 3:52 PM by fungiatt
Sara Benci di Sky SportTELEGIORNALISTE FANS FORU...26 pt.8/20/2019 12:12 AM by docangelo
9/22/2004 11:39 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 25,471
Registered in: 2/5/2004
maestro tranviere
Questi fantasmi
Nel film con Vittorio Gassmann e Sofia Loren (1967) si vede, poco dopo l'inizio del film, una sequenza in cui i due si avvelenano e vanno poi in un deposito di autobus (il film è ambientato e girato quasi totalmente a Napoli, ma il deposito è di bus romani). Lì si addormentano all'interno di un bus che, per loro sfortuna, porta un improbabile tabella "Servizio Notturno", è quindi destinato a uscire di lì a poco. I due si svegliano col bus in servizio (la scena da qui è in bus di Napoli, un Fiat 410 Aerfer, quello che ha la stessa cassa dell'Alfa 1000) e si vede chiaramente che si trovano in via Lepanto a Fuorigrotta (riconoscibilissime alcune insegne di negozi come la salumeria Panmedici e i portici all'angolo di via Veniero) e all'interno la tabella laterale del bus porta "254 navetta" nei caratteri tipici del deposito Cavalleggeri Aosta e Fuorigrotta (quelli tuttora usati). Questo bus in servizio notturno, però, va a raccogliere i tifosi alla fine della partita (per esigenze sceniche non allo stadio San Paolo ma al Collana al Vomero), e la tabella all'esterno porta la linea 523 Stadio-Stazione Centrale (la linea esiste ancora oggi). Non riuscendo a scendere dall'autobus per la ressa, i protagonisti restano su e poi Sofia Loren comincia a sentirsi male. A questo punto la solidarietà napoletana porta a "dirottare" l'autobus direttamente verso un ospedale. Arrivati a destinazione (l'ospedale è il San Gennaro, e deve essere stato simpatico vedere una macchina da 11 metri girare per i vicoli stretti della Sanità) c'è una bella inquadratura della coda del nostro autobus, matricola 963, entrato in servizio nel 1962 e radiato dal parco ad agosto del 1978. Si tratta di un giusto omaggio a una serie di autobus che hanno fatto la storia dei trasporti napoletani e che hanno fatto servizio su alcune delle più impegnative linee del panorama napoletano.

1Poggioreale Cimit. Staz.Centr. v. Marina
P. Vittoria Mergellina Fuorigrotta Bagnoli
9/22/2004 2:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 1,908
Registered in: 5/12/2004
tranviere veterano
Non so se è già stato citato nei messaggi precedenti ma io volevo segnalare il film "Totò e Marcellino" in cui lo zio vive in un tram a due piani (credo).Di che vettura si tratta?
[SM=x346219]

http://www.associazionesiloe.flazio.com/
http://www.duegieditrice.it/
9/29/2004 8:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Totò, il Gatto e Marcellino
Ehm... sperando di non scatenare "l'ira funesta" del Dr.Lechter (lo so, é un'altro Nicholson, quello di Shining [SM=x346232] ma sempre inquietante [SM=x346234] ), ricordo abbastanza bene che il tram in cui viveva Totò, assieme a quel povero gatto ingabbiato, era ad un piano solo. Il modello, hmmm... se non ricordo male era molto simile ai 2137, che circolavano per Roma e qualche volta riuscii a prendere.
10/5/2004 11:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 1,435
Registered in: 4/19/2004
tranviere veterano
La città si difende
Si è parlato su queste righe del film in oggetto con diverse scene tranviarie a Roma come mi conferma chi lo ha visto di recente. Infatti ad Ottobre il canale SKY classic lo trasmette in diverse date. Quelle future saranno Mercoledì 13 ore 6.50 nonchè Mercoledì 20 ore 4.50. Chi vuole o può, lo registri. C'è anche "Domenica d'Agosto" stesso canale Giovedì 21 ore 11.55: Non ho verificato di persona scene di tram ma andrò a registrarlo (spero di ricordarmi)
10/6/2004 12:57 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Re: La città si difende e altri film tranviari

Scritto da: filobustiere 05/10/2004 23.37
(...) Non ho verificato di persona scene di tram ma andrò a registrarlo (spero di ricordarmi)

Quando qualcuno registra dalla TV dei film con scene tranviarie, apprezzerei moltissimo se potesse mandarmi copia del VHS, non soltanto per aggiungerla alla mia collezione, ma anche per estrapolarne scene da mettere sul sito. Lo so che non abito proprio dietro l'angolo, ma le poste (peraltro ad un costo abbastanza contenuto) raggiungono anche questa parte del mondo [SM=x346239]

Grazie a tutti per la collaborazione.

10/8/2004 12:15 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Milano Odia: La Polizia Non Può Sparare (Milano) 1974, Umberto Lenzi

Scritto da: Julius2003 07/10/2004 11.10
(...) Colgo l'occasione per segnalarvi una curiosità: l'altra sera ho potuto vedere un film cult degli anni 70 "Milano odia: la polizia non può sparare", in cui un buon numero di scene (tra cui il drammatico finale) sono ambientate in un baretto situato all'epoca in fondo a Via Palmanova, all'altezza proprio della stazione dei tram extraurbani, in funzione fino a fine anni 70.
E' stato emozionante rivedere quei vecchi mezzi, che rimanevano solo nei miei ricordi di bambino (abito tutt'ora nella zona).
Se vi capita guardate il film (peraltro molto intenso) su quella Milano degli anni 70 e sui suoi tram gialli e verdi: vi sono molte riprese della città, di alcuni tratti di linea urbana (Corso Sempione, Staz. Porta Genova, Via Melchiorre Gioia) e soprattutto del mitico capolinea di Via Palmanova con le motrici gialle e verdi che andavano verso Vimercate e Cologno

Questi vecchi polizieschi all'italiana degli anni '70 sono effettivamente una miniera di informazioni e immagini su mezzi pubblici e privati. Rivederli oggi fa molta nostalgia, ed anche un po' di tenerezza.



Per qualche informazione in più su Milano Odia:

http://www.cinematografo.it



Consiglio anche [URL]www.pollanetsquad.it[=URL]www.pollanetsquad.it, sito tutto dedicato ai polizieschi anni '70.






10/8/2004 11:29 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 64
Registered in: 10/18/2003
apprendista tranviere
A proposito del film "Milano odia" sono riuscito a reperire in rete un fotogramma che ritrae Gino Santercole che da le spalle al capolinea dei tram interurbani di Via Palmanova. Purtroppo non ho modo di postare altre immagini (pur avendo il film in formato avi.... perchè non so come estrarre immagini dal filmato!) ma alla fine del film , per diversi secondi sono inquadrate perfettamente motrici e carrozze in attesa al capolinea.

[Modificato da Nicola M. 10/10/2004 2.45]

10/8/2004 8:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 2,843
Registered in: 5/9/2004
tranviere veterano
Ecco due scene tratte dal bellissimo I SOLITI IGNOTI di Mario Monicelli ( 1957 )
Siamo alla fine del film, dopo ore di lavoro gli audaci ladri si sono impossessati di una pentola di pasta e ceci, ormai non rimane loro che tornare a casa sul far del mattino un po' avviliti ma felici di non essere almeno finiti in prigione.
Arrivati in Via Concordia, nei pressi di S. Giovanni, Tiberio ( M. Mastroianni ) saluta i compari e prende una bellissima otto finestrini in servizio sul 7 P.zza Bologna - P.zza Zama.



La vettura riparte verso P.zza Zama guardata allontanarsi da Peppe er pantera ( V. Gassman ) Capannelle e Ferribotte.



La linea 7 era una delle linee di forza dell' ATAC, percorsa quotidianamente da un gran numero di MRS e PCC, mentre nelle ore di punta era solcata anche dalle articolate Stanga. Inizialmente il capolinea era a P.zza Istria ma in seguito fu limitata a P.zza Bologna. Nel 1966 venne ancor più limitata a P.zza Indipendenza e quindi definitivamente soppressa nel 1972.

10/9/2004 1:45 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
I Soliti Ignoti (Roma) - 1958, Mario Monicelli

LA SCHEDA TECNICA

I SOLITI IGNOTI (1958, Italia, B/N)

Durata 105
Genere COMMEDIA
Produzione LUX FILM - VIDES CINEMATOGRAFICA - CINECITTA'

Distribuzione LUX FILM - VIDES CINEMATOGRAFICA - CINECITTA'

Regia MARIO MONICELLI

Attori
TOTO' (DANTE CRUCIANI)
VITTORIO GASSMAN (PEPPE ER PANTERA)
MARCELLO MASTROIANNI (TIBERIO)
RENATO SALVATORI (MARIO ANGELETTI)
CARLA GRAVINA (NICOLETTA)
CLAUDIA CARDINALE (CARMELINA)
TIBERIO MURGIA (FERRIBOTTE)
MEMMO CAROTENUTO (COSIMO)
ROSSANA RORY (NORMA)
CARLO PISACANE (CAPANNELLE)
GINA ROVERE (TERESA)
GINA AMENDOLA (LA "MAMMA" DI MARIO)
ELISA FABRIZI (SIGNORA ADA)
ELVIRA TONELLI (ASSUNTA)
MARIO FELICIANI (IL GIUDICE)
MIMMO POLI (UN DETENUTO)
MARIO DE SIMONE (IL RIGATTIERE)
NINO MARCHETTI (IMPIEGATO)
ALDO TRIFILETTO (FERNANDO, IL PORTIERE)
EDITH BRUCK
IDA MASETTI
MARIO MENICONI
PASQUALE MISIANO
LISA ROMEY
AMERIGO SANTARELLI
GUSTAVO SERENA
ROBERTO SPIOMBI
RENATO TERRA

Soggetto
AGE
FURIO SCARPELLI
Sceneggiatura
SUSO CECCHI D'AMICO
MARIO MONICELLI
Fotografia GIANNI DI VENANZO
Montaggio ADRIANA NOVELLI
Scenografia PIERO GHERARDI
Costumi PIERO GHERARDI

Musiche PIERO UMILIANI


Trama

Cosimo, piccolo ladro di periferia, è in prigione per il furto di una macchina. Alcuni suoi amici, Capannelle (un vecchio stalliere un po' matto), Mario (ladro suo malgrado), Ferribotte (un siciliano gelosissimo della sorella), Tiberio (fotografo e ladro per vocazione), decidono di cercare qualcuno che si accusi del furto per far scarcerare Cosimo. Trovano Peppe, un pugile di quart'ordine, che dietro compenso dichiara di essere il responsabile del furto. Peppe non viene creduto e viene rilasciato: prima di uscire di prigione, con uno stratagemma, si fa confidare da Cosimo il progetto di un furto con scasso. Riacquistata la libertà, Peppe si mette a capo della banda e, con l'aiuto degli amici, prepara l'esecuzione del colpo vagheggiato da Cosimo: svaligiare la cassaforte del Monte di Pietà. Per aprire la cassaforte prendono lezioni da uno specialista, Dante, che non può partecipare alla rapina perché sorvegliato. Tutto sembra bene avviato quando Cosimo, in seguito ad un'amnistia, viene scarcerato. Deciso a vendicarsi del tiro giocatogli da Peppe e dai compagni, mentre sta compiendo un borseggio viene investito e muore. Intanto è venuto il momento di tentare il furto: i quattro penetrano nell'appartamento contiguo al Monte di pietà. Ma, per inesperienza e paura non riescono a giungere alla cassaforte e avendo aperto un buco nella cucina, si consolano con uno spuntino.

Critica

"Questo film è significativo per la cura formale con la quale è realizzato, per l'uso intelligente degli attori professionisti e di tipi presi dal vero, per lo sforzo, che vi traspare chiaro, di portare il "comico" fuori dai confini consueti della farsa dialogata e per dargli una consistenza propriamente cinematografica". (C. Lizzani, "Il Cinema Italiano", Parenti, 1961).


(Informazioni tratte da: www.cinematografo.it

10/11/2004 1:35 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Tram di Roma nella Celluloide
Scritto da: Alessandroch 19/09/2004 18.53

...un altro lungometraggio che si potrebbe aggiungere alla suscritta lista di Antonio:

il film che ho visto stamane (19 /09)è "La domneica della buona gente" ambientato a Roma negl' anni '50, con Sophia Loren, Renato Salvatori, Ave Ninchi, etc...
Verso la fine del film Renato Salvatori discute con la sua fidanzata (Sandra) e, a causa dell' impeto della discussione, rischiano, prima lei e poi lui, di essere travolti da un tram.

Nella scena non si vede il numero della linea ma è in primo piano il numero della vettura: 767. Preso dalla curiosità sono andato a sfogliare il libro sui tram e filobus della Capitale e ho trovato una foto dove in primo piano vi è lo stesso tram esattamente in piazza Pitagora e sullo sfondo c' è un magnifico pino che adesso la didascalia avverte che quell' albero non c' è più. [SM=x346222] (e forse anche il tram!!!)

10/11/2004 1:36 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Piazza Pitagora e le ex line 2, 3 e 4
Scritto da: Roberto Amori 20/09/2004 3.55

Piazza Pitagora si trova nell'elegante quartiere dei Parioli, oggi non è più solcata dai tram in quanto tutto è stato spazzato via nei primi anni '60. Ancora oggi sono presenti, fortunatamente, gli impianti fissi delle linee 3 e 19, ovvero l'ex 30 e a suo tempo già ex Circolari. A Piazza Ungheria c'erano gli scambi della ex linea 4 per Via Duse, scendendo invece verso Valle Giulia quelli, appunto, delle ex linee 2 e 3 verso Piazza Pitagora per scendere giù fino all'attuale Palazzetto dello Sport Flaminio. Quindi ancora proseguendo altri scambi che deviavano dalla parte opposta della città per mezzo dei quali il 3 raggiungeva prima il Giardino Zoologico e poi Termini. Esistono molte immagini delle due assi in quei paraggi, io quando stavo a Roma andai più volte a vedere quei luoghi di cui non esiste più nessuna traccia tranviaria se non i soliti ancoraggi per le traverse sulle facciate degli stabili. Come già detto è sopravvissuta la linea principale, appunto le ex circolari, dalle quali queste antiche linee si diramavano ed è già molto perchè alla fine degli anni '60 uno dei due sensi, con l'istituzione del senso uico sul Lungotevere, venne soppresso e trasformato in bus. Si ebbe così l'assurdo di una circolare in un senso tranviaria e nell'altro automobilistica. Ovviamente attorno al 1975 si è arrivati veramente a un pelo dal sopprimere tutto ma per qualche misterioso motivo, con gran dolore per i lussuosi residences della zona infastiditi dallo sferragliare delle MRS, questo non è avvenuto, anzi i tram sono tornati pure sull'altro binario.

10/11/2004 3:55 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 5,339
Registered in: 2/5/2004
maestro tranviere
Re: Tram di Roma nella Celluloide

Scritto da: XJ6 11/10/2004 1.35
Scritto da: Alessandroch 19/09/2004 18.53

...un altro lungometraggio che si potrebbe aggiungere alla suscritta lista di Antonio:

il film che ho visto stamane (19 /09)è "La domneica della buona gente" ambientato a Roma negl' anni '50, con Sophia Loren, Renato Salvatori, Ave Ninchi, etc...
Verso la fine del film Renato Salvatori discute con la sua fidanzata (Sandra) e, a causa dell' impeto della discussione, rischiano, prima lei e poi lui, di essere travolti da un tram.

Nella scena non si vede il numero della linea ma è in primo piano il numero della vettura: 767. Preso dalla curiosità sono andato a sfogliare il libro sui tram e filobus della Capitale e ho trovato una foto dove in primo piano vi è lo stesso tram esattamente in piazza Pitagora e sullo sfondo c' è un magnifico pino che adesso la didascalia avverte che quell' albero non c' è più. [SM=x346222] (e forse anche il tram!!!)



Visto e registrato!

www.novaconcentusvocalis.it
"Where no man has gone before"
10/11/2004 11:16 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Re: Tram di Roma nella Celluloide

Scritto da: Francesco E. 11/10/2004 15.55
Visto e registrato!

Allora, fa' il tuo dovere! Digitalizza le scene, postale sul forum e commentale. Oh! [SM=x346236]

10/12/2004 12:16 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Re: I Soliti Ignoti (Roma) - 1958, Mario Monicelli
Riproduco anche qui, per connessione di argomento, un intervento di Roberto Amori relativo a "I Soliti Ignoti" già inserito nella sezione dei tram di Roma.

Scritto da: Roberto Amori 12/10/2004 0.04

Una PCC appena entrata in servizio, in una antica linea tranviaria che sta per scomparire.
Questa scena, l'avrete vista tante volte, è tratta dal film " I Soliti Ignoti " di Mario Monicelli del 1958.
E' la scena dell'investimento nella quale Cosimo ( Memmo Carotenuto ) trova la morte sotto il tram. Nel film la scena dura pochi secondi ed è, per conferirne drammaticità, accelerata e brevissima.Avendo però in questi giorni a disposizione il DvD originale ho potuto prelevarne i fotogrammi salienti per osservarli con cura. Ed ecco la sorpresa: siamo al Testaccio, in Via Galvani al vecchio mattatoio. Qui passavano antiche linee già dall'inizio del secolo, l'ultima la 24 venne soppressa nel 1951 così che da quel momento la linea rimase armata solo per il passare sporadico di motrici di servizio atte ai trasporti di derrate al mattatoio. Non c'era già più traccia di tutto ciò già nei primi anni '60 quando il terribile piano di riassetto della rete, in occasione delle Olimpiadi, decretò la sparizione di molte linee, la drastica limitazione di quelle sopravvissute e la completa sparizione dell'intera flotta di due assi e rimorchiate.
Nell'anno di riprese degli Ignoti, il 1957, questa PCC 8035 era da poco entrata in servizio ma come accadde a Bologna in occasione del film " Hanno rubato un tram " venne per le riprese utilizzato un vecchio tronco lontano dal traffico normale, storico ma ormai dismesso, prossimo anch'esso alla sparizione. Oggi a quasi 50 anni di distanza pure la PCC 8035 è, da poco tempo, diventata ormai un ricordo avendo avuto una lunga carriera anche se inferiore a quella delle MRS e TAS.
La scena è ambientata dinanzi al ristorante " da Turiddo al vecchio mattatoio " dove a metà degli anni '70 ho alcune volte mangiato la pajata. Allora era ancora presente il grande anello in fondo alla via che chiudeva la linea e non immaginavo di sicuro che una PCC fosse passata da quelle parti.



10/12/2004 12:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Totò E Marcellino (Roma) - 1958, Antonio Misu
Alcune foto tratte dal film "Totò e Marcellino", dove appare una vettura a due piani (della linea dei Castelli, credo) che Totò elegge a propria residenza





La corrente per l'lluminazione viene ovviamente captata dalla linea aerea ...







... e per macinare il caffé, niente di meglio che ...



... utilizzare ...



... il controller!



[Modificato da XJ6 14/10/2004 0.34]


10/14/2004 1:02 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Funicolari
Vado OT almeno un po', per inserire due foto di funicolari inviatemi da Rosario:

Mergellina


Montesanto


Queste foto sono state tratte, vari anni, fa da un film del quale il nostro non ricorda né nome né altri particolari.

Lo so che il quiz è difficile, data l'assoluta mancanza di indizi, oltre ai fotogrammi, ma c'è qualcuno in grado di aiutarci a saperne qualcosa in più?

10/23/2004 11:13 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 173
Registered in: 10/5/2004
tranviere junior
Altro film OT
Anche se leggermente OT vorrei segnalare il film "Napoli sole mio" degli anni '50 (in ogni archivio che ho consultato su internet ho trovato un anno diverso!) con Lorella De Luca e Maurizio Arena. In una breve sequenza iniziale si vede un classico treno della Circumvesuviana (ovviamente con le elettromotrici d' epoca) che attraversa il ponte di Seiano; come per magia a Napoli si trasforma in un treno dell' Alifana ed arriva al capolinea di via Don Bosco dove scende la protagonista del film.
I piu' ovviamente non avranno notato il brusco salto di ambientazione visto che le elettromotrici delle due ferrovie erano alquanto somiglianti (tutte su disegno OFM).
Qualcuno ha per caso registrato tale film dalla TV oppure e' a conoscenza di un modo per procurarselo?
10/30/2004 4:57 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 5,339
Registered in: 2/5/2004
maestro tranviere
LUTTO!
Forse sono OT... volevo segnalarvi, purtroppo, che ieri mattina a Roma è deceduta una della attrici del nostro cinema più popolari... soprattutto per in nostri genitori e nonni: MARIA FIORE. Ci ha lasciati all'età di 68 anni per insufficienza respiratoria, conseguenza di una grave malattia! L'ho voluto segnalare poiché il suo nome appare in molti film tramviari della nostra lista... uno per tutti (ed anche il suo primo film, girato nel '52 quando aveva appena 17 anni): "DUE SOLDI DI SPERANZA"... attrice (il cui vero nome era Iolanda Di Fiori)"talentuosa" ma, come spesso avviene in Italia, purtroppo legata ad un cliché di ruoli fin troppo popolari e popolareschi, conobbe una buon successo tra gli anni '50 e '60 (il suo 2° film, che fece decollare la sua carriera, fu il pittoresco musical-partenopeo "CAROSELLO NAPOLETANO" di Ettore Giannini) durante i quali interpretò una trentina di pellicole (fra i quali compare una delle "tramviarie": LA DOMENICA DELLA BUONA GENTE). Negli anni '70 compare, come dicevo, in molti film di successo popolare, quelli alla Nino d'Angelo per intendersi... da segnalare la sua presenza nel film "IL GIUSTIZIERE DELLA NOTTE" al fianco di Joseph Cotten e... Thomas Milian! Negli ultimi anni si era dedicata al doppiaggio (scusate se è poco!) non disdegnando di apparire in alcune fiction televisive, fra le quali "PRONTO SOCCORSO" al fianco di un altro grande scomparso: Ferruccio Amendola.

www.novaconcentusvocalis.it
"Where no man has gone before"
10/31/2004 1:57 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
OFFLINE
Post: 9,191
Registered in: 2/22/2004
maestro tranviere
Maria Fiore
Un piccolo ricordo fotografico di Maria Fiore


New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:36 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com